Menù di navigazione
Il testo coordinato è in preparazione e verrà pubblicato quanto prima

Legge regionale 28 dicembre 2023, n. 48

Legge di stabilità per l’anno 2024.

Bollettino Ufficiale n. 73, parte prima, del 29 dicembre 2023



PREAMBOLO


Il Consiglio regionale


Visto l’articolo 117, commi terzo e quarto, della Costituzione;


Visto l’articolo 4 dello Statuto;


Visto il Sito esternodecreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118 (Disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle Regioni, degli enti locali e dei loro organismi, a norma degli articoli 1 e 2 Sito esternodella Sito esternolegge 5 maggio 2009, n. 42 );


Vista la legge regionale 27 giugno 1997, n. 45 (Norme in materia di risorse energetiche);


Vista la legge regionale 25 giugno 2009, n. 32 (Interventi per combattere la povertà ed il disagio sociale attraverso la redistribuzione delle eccedenze alimentari);


Vista la legge regionale 27 dicembre 2011, n. 68 (Norme sul sistema delle autonomie locali);


Vista la legge regionale 6 giugno 2012, n. 27 (Interventi per favorire lo sviluppo della mobilità ciclistica);


Vista la legge regionale 27 dicembre 2012, n. 77 (Legge finanziaria per l’anno 2013);


Vista la legge regionale 10 novembre 2014, n. 65 (Norme per il governo del territorio);


Vista la legge regionale 27 dicembre 2017, n. 77 (Disposizioni di carattere finanziario. Collegato alla legge di stabilità 2018);


Vista la legge regionale 27 dicembre 2018, n. 73 (Disposizioni di carattere finanziario. Collegato alla legge di stabilità per l’anno 2019);


Vista la legge regionale 13 novembre 2019, n. 65 (Interventi normativi relativi alla seconda variazione al bilancio di previsione 2019 – 2021);


Vista la legge regionale 23 dicembre 2019, n. 79 (Disposizioni di carattere finanziario. Collegato alla legge di stabilità per l’anno 2020);


Vista la legge regionale 29 dicembre 2020, n. 97 (Disposizioni di carattere finanziario. Collegato alla legge di stabilità per l’anno 2021);


Vista la legge regionale 5 marzo 2021, n. 11 (Misure a sostegno della realizzazione di parcheggi al fine di favorire il decongestionamento dei centri urbani e migliorare la mobilità, nell’ambito di azioni di riqualificazione urbana);


Vista la legge regionale 28 dicembre 2021, n. 54 (Disposizioni di carattere finanziario. Collegato alla legge di stabilità per l’anno 2022);


Vista la legge regionale 7 giugno 2022, n. 16 (Interventi normativi collegati alla seconda variazione al bilancio di previsione 2022 – 2024);


Vista la legge regionale 28 novembre 2022, n. 40 (Interventi normativi collegati alla terza variazione al bilancio di previsione finanziario 2022 – 2024);


Vista la legge regionale 29 dicembre 2022, n. 44 (Disposizioni di carattere finanziario. Collegato alla legge di stabilità per l’anno 2023);


Vista la legge regionale 29 dicembre 2022, n. 48 (Terme di Montecatini S.p.A. Acquisizione al patrimonio regionale degli immobili denominati “Terme Tettuccio”, “Terme Regina” e “Terme Excelsior”);


Vista la legge regionale 3 luglio 2023, n. 25 (Interventi normativi collegati alla seconda variazione al bilancio di previsione 2023 – 2025);


Vista la legge regionale 27 novembre 2023, n. 42 (Interventi normativi collegati alla terza variazione al bilancio di previsione 2023 – 2025);


Visto il parere favorevole della Commissione regionale per le pari opportunità, espresso nella seduta del 13 dicembre 2023;


Visto il parere favorevole, con condizioni, del Consiglio delle autonomie locali, espresso nella seduta del 18 dicembre 2023;


Visti i pareri favorevoli delle Commissioni consiliari permanenti: Quarta espresso nella seduta del 15 dicembre 2023, Seconda, Terza e Quinta, espressi nelle rispettive sedute del 18 dicembre 2023.


Considerato quanto segue:


1. Il Consiglio regionale non ha potuto modificare la presente legge in coerenza con il parere condizionato del Consiglio delle autonomie locali stante la mancanza, in esso, di puntuali proposte di modica all’articolato;


Per quanto concerne il capo I (Disposizioni in materia di entrata):


2. I recenti eventi alluvionali e la necessità di garantire la migliore tenuta del bilancio, rendono necessario un incremento dell’aliquota dell’addizionale regionale IRPEF degli ultimi scaglioni mantenendo invariate le aliquote degli scaglioni per i redditi più bassi;

Per quanto concerne il capo II (Disposizioni di carattere finanziario):


3. È necessario prorogare la scadenza del termine di cui all’articolo 7 bis della l.r. 45/1997 in quanto le procedure per la dismissione del ramo di azienda di Sestalab e la conseguente trasformazione del Consorzio per lo sviluppo delle aree geotermiche (Co.Svig) s.c.r.l. quale soggetto “in house” della Regione Toscana, si sono rivelate più lunghe e complesse di quanto previsto;


4. È necessario il rifinanziamento della l.r. 32/2009 per il prossimo triennio di programmazione di bilancio, per mettere in atto un piano di interventi finalizzato al perseguimento degli obiettivi di legge previsti e che garantisca la continuità nell’attuazione degli interventi a ciò finalizzati, anche in riferimento al Progetto “Spesa per Tutti” in ragione delle finalità sociali e solidaristiche del progetto, per cui si ottengono prezzi di favore per determinati beni di prima necessità;


5. È opportuno consentire ai comuni in situazione di maggior disagio l’accesso al contributo di cui all’articolo 82 bis della l.r. 68/2011 allineando il requisito a quello, peraltro connesso, delle unioni di comuni;


6. È opportuno un contributo straordinario al fine di sostenere il consolidamento e lo sviluppo della funzione relativa alla Centrale unica di committenza favorendone l’attivazione da parte delle unioni di comuni;

7. È necessario rimodulare gli stanziamenti per una serie di contributi, in particolare per interventi su viabilità regionale e locale, edifici pubblici di pregio culturale, o altre infrastrutture pubbliche, al fine di adeguare l’esigibilità della spesa a variazioni dei cronoprogrammi delle rispettive opere, per motivi non riferibili alla Regione e ad essa segnalati dagli enti locali beneficiari o dai soggetti attuatori;


8. La situazione di emergenza correlata agli eventi alluvionali del novembre 2023 ha impegnato le amministrazioni comunali interessate da tali eventi calamitosi a fronteggiare, con interventi urgenti, la grave situazione, di fatto impedendo lo svolgimento delle funzioni relative alla redazione degli strumenti di pianificazione urbanistica. È pertanto necessario prevedere la proroga fino al 31 marzo 2024 dei termini di efficacia delle previsioni urbanistiche contenute nei piani operativi e dei termini di efficacia delle previsioni urbanistiche di cui all’articolo 55, commi 5 e 6, della l.r. 1/2005 , con esclusione di quelle comportanti vincoli preordinati all’esproprio, contenute nei regolamenti urbanistici;


9. È necessario prevedere anche per il triennio 2024 – 2026 un contributo straordinario destinato ad interventi di manutenzione dell'itinerario della Via Francigena, relativo a strade ubicate fuori dai centri abitati;


10. È opportuno prolungare il sostegno finanziario degli interventi in materia di violenza di genere e contrasto alle discriminazioni anche per il triennio 2024 – 2026;


11. È opportuno un incremento del finanziamento degli interventi per la qualificazione e valorizzazione dei luoghi del commercio e la rigenerazione degli spazi urbani fragili di cui alla l.r. 73/2018 , destinando parte del finanziamento alle iniziative di riqualificazione dei centri commerciali naturali;


12. È opportuno autorizzare la Provincia di Siena ad utilizzare risorse, già erogate dalla Regione prima del 2016, originariamente destinate alla realizzazione della variante alla SR 2 Cassia in località Monteroni–Monsindoli, per interventi relativi alla nuova variante alla SRT 429 nel tratto di competenza;


13. È necessario assicurare la prosecuzione delle iniziative finalizzate alla salvaguardia della Laguna di Orbetello anche nell'annualità 2024;


14. È opportuno destinare al contributo straordinario, già previsto in favore dell’Azienda unità sanitaria locale (USL) Toscana centro dall’articolo 14 della l.r. 79/2019 per finanziare le attività della Polizia municipale pratese in ordine ai controlli sulla sicurezza dei luoghi di lavoro, un ulteriore importo per gli anni 2024 e 2025;


15. È opportuno il rifinanziamento, con allocazione delle risorse dal 2025 al 2044, della misura di sostegno alla realizzazione di parcheggi al fine di favorire il decongestionamento dei centri urbani e migliorare la mobilità, nell’ambito di azioni di riqualificazione urbana;


16. È confermata la necessità, per la comunità elbana, di fruire del servizio della continuità territoriale, finanziando tale attività anche per l’anno 2026;


17. È necessario reintegrare la dotazione del fondo per sostenere gli enti locali nella realizzazione di interventi di edilizia scolastica che hanno subìto un incremento dei costi dovuto all’aumento dei prezzi delle materie prime;


18. A seguito della volontà dell’Istituto superiore per le industrie artistiche di Firenze (ISIA) di abbandonare il progetto di lavori sull’area “ex Meccanotessile” quale nuova sede, stante l’eccessiva onerosità degli stessi, si rende necessaria per il recupero al bilancio degli stanziamenti regionali l’abrogazione del relativo articolo di legge;


19. Per fare fronte ad alcune situazioni amministrative e agevolare l’ordinato svolgimento delle procedure, è opportuno prorogare dei termini per la rendicontazione di finanziamenti erogati dalla Regione;


20. È necessario abrogare l’articolo 2 della l.r. 44/2022 sul subentro della Regione nella proprietà degli immobili della società Terme di Casciana S,p.A. in liquidazione, in particolare alla luce della sentenza della Corte costituzionale n. 110/2023 e dei rilievi, sulla scorta di quella, mossi alla Regione Toscana dalla competente sezione regionale di controllo della Corte dei conti;


21. È necessario modificare l’articolo 5 della l.r. 44/2022 eliminando le parti relative al raddoppio della tratta ferroviaria Pistoia-Lucca, per recuperare spazi a nuovo debito regionale e finanziare interventi immediatamente cantierabili, fermo restando l’interesse della Regione alla realizzazione del raddoppio, oggetto da molti anni di una serie di aggiornamenti che ne hanno prorogato le previsioni di avvio e conclusione;


22. È necessario rimodulare sull’esercizio 2024 lo stanziamento della l.r. 48/2022 per la proposta irrevocabile di acquisto, da parte di Regione Toscana, di tre immobili del complesso termale di Montecatini, a seguito dei tempi dettati nella sentenza di omologa del concordato 45/2023, che renderanno possibile l’alienazione degli immobili solo dal 2024;


23. È opportuno razionalizzare il tracciato oggetto dell’intervento come originariamente disciplinato, prevedendo di realizzare una circonvallazione tangenziale al centro abitato di San Marcello pistoiese nel Comune di San Marcello Piteglio;


24. È necessario riformulare la disposizione che finanzia interventi per la mitigazione del rischio idraulico nell’abitato di Faella, in Comune di Castelfranco Piandiscò, dovuto agli eventi alluvionali del Borro di Rantigioni, per la corretta individuazione del soggetto attuatore, Unione di comuni del Pratomagno, e rimodulazione della spesa per garantirne l’esigibilità;


Per quanto concerne il capo III (Disposizioni finali):


25. Al fine di consentire una rapida attivazione degli interventi previsti dalla presente legge, è necessario disporne l’entrata in vigore il giorno della pubblicazione sul Bollettino ufficiale della Regione Toscana;


Approva la presente legge



Note del Redattore:

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Come da Avviso di rettifica pubblicato sul B.U. n. 7 del 7 febbraio 2024: “... si segnala che, per correggere un mero errore materiale, il comma 1 dell'articolo 23 deve leggersi nel modo che segue: "1. Al comma 1 dell’articolo 3 della l.r. 11/2021 dopo le parole: “articolo 2” sono inserite le seguenti: “e 2 bis”, e le parole: “del progetto definitivo” sono sostituite dalle seguenti: “del progetto di fattibilità tecnica ed economica”.".

Il presente testo non ha valore legale ed ufficiale.
Solo i testi pubblicati sul Bollettino Ufficiale della Regione Toscana hanno valore legale.