Menù di navigazione

Legge regionale 22 novembre 2019, n. 69

Disposizioni in materia di governo del territorio. Adeguamenti alla normativa statale in materia di edilizia e di sismica. Modifiche alle leggi regionali 65/2014 , 64/2009 , 5/2010 e 35/2015 .

Bollettino Ufficiale n. 53, parte prima, del 25 novembre 2019

Art. 4
Inserimento del capo I bis nel titolo III della l.r. 65/2014
1. Dopo l’articolo 43 del capo I del titolo III della l.r. 65/2014 , è inserito il seguente capo: “
CAPO I bis - Procedimenti per l’approvazione degli atti di programmazione e pianificazione dei porti di interesse nazionale
”.
Art. 41
Varianti non sostanziali al progetto, realizzate in corso d’opera. Inserimento dell’articolo 170 ter nella l.r. 65/2014
1. Dopo l’articolo 170 bis della l.r. 65/2014 è inserito il seguente:
Art. 170 ter Varianti non sostanziali al progetto, realizzate in corso d’opera
1. Sentito il Comitato tecnico scientifico per il rischio sismico di cui all’
articolo 3 bis della l.r. 58/2009
, sono individuate le varianti non sostanziali di cui all’
Sito esternoarticolo 94 bis, comma 2, del d.p.r. 380/2001
, elencate dal regolamento di cui all’articolo 181.
2. I progetti relativi alle varianti non sostanziali sono assoggettate al deposito prima della trasmissione della relazione di cui all’articolo 175.
”.
Art. 42
Responsabilità. Sostituzione dell’articolo 172 della l.r. 65/2014
1. L’articolo 172 della l.r. 65/2014 è sostituito dal seguente:
Art. 172 Responsabilità
1. Il progettista ha la responsabilità diretta della rispondenza delle opere progettate alle prescrizioni di cui al
Sito esternocapo IV del d.p.r. 380/2001
, nonché alle norme tecniche per le costruzioni emanate ai sensi dell’articolo 83 del medesimo decreto.
2. Il direttore dei lavori, al quale compete la verifica dell’adeguatezza del progetto alle prescrizioni di cui al comma 1, risponde inoltre, unitamente al costruttore, ciascuno per la parte di propria competenza, della corrispondenza dell'opera realizzata al progetto autorizzato o depositato, e delle eventuali varianti di esso. Tali soggetti hanno inoltre la responsabilità relativa:
a) all’osservanza delle prescrizioni di esecuzione contenute negli elaborati progettuali;
b) all’osservanza inerente alla qualità dei materiali impiegati;
c) alla posa in opera degli elementi prefabbricati.
”.
Art. 43
Asseverazioni del progettista. Sostituzione dell’articolo 173 della l.r. 65/2014
1. L’articolo 173 della l.r. 65/2014 è sostituito dal seguente:
Art. 173 Asseverazioni del progettista
1. Per le opere sottoposte alle disposizioni di cui al presente capo, il progetto esecutivo è corredato da una dichiarazione del progettista che asseveri:
a) il rispetto delle norme tecniche delle costruzioni;
b) la coerenza tra il progetto esecutivo riguardante le strutture e quello architettonico;
c) il rispetto delle eventuali prescrizioni sismiche contenute negli strumenti di pianificazione urbanistica.
”.
Art. 44
Realizzazione dei lavori. Sostituzione dell’articolo 174 della l.r. 65/2014
1. L’articolo 174 della l.r. 65/2014 è sostituito dal seguente:
Art. 174 Realizzazione dei lavori
1. Dal giorno dell’inizio dei lavori fino a quello della loro ultimazione, sono conservati nei cantieri:
a) l'autorizzazione di cui all'articolo 168 oppure l'attestazione di deposito di cui all'articolo 170;
b) una copia cartacea degli atti progettuali trasmessi, firmata dal direttore dei lavori e dall'impresa esecutrice;
c) il giornale dei lavori strutturali stessi.
2. Il giornale dei lavori strutturali descrive le fasi di esecuzione dell’opera, secondo la loro cronologia, con foto e descrizioni, con particolare riferimento alle opere non più ispezionabili.
3. Della conservazione e della regolare tenuta dei predetti documenti, che sono sempre a disposizione dei pubblici ufficiali incaricati dei controlli, è responsabile l’impresa. Il direttore dei lavori è altresì tenuto a vistare periodicamente, e in particolare nelle fasi più importanti dell’esecuzione, il giornale dei lavori strutturali.
4. A struttura ultimata e, comunque, entro sessanta giorni dal termine dei lavori, il direttore dei lavori trasmette allo sportello unico la relazione di cui all’
Sito esternoarticolo 65 del d.p.r. 380/2001
, fermo restando quanto previsto dall’articolo 170 bis per gli interventi privi di rilevanza.
5. La relazione di cui al comma 4 è trasmessa allo sportello unico, unitamente ai certificati sui materiali di cui all'
Sito esternoarticolo 65 del d.p.r. 380/2011
e al giornale dei lavori strutturali.
”.
Art. 45
Regolamenti. Sostituzione dell’articolo 181 della l.r. 65/2014
1. L’articolo 181 della l.r. 65/2014 è sostituito dal seguente:
Art. 181 Regolamenti
1. La Regione approva uno o più regolamenti aventi ad oggetto le modalità di effettuazione e svolgimento dei compiti di vigilanza e di verifica sulla realizzazione delle opere e delle costruzioni, previsti dal presente capo.
2. Il regolamento o i regolamenti di cui al comma 1, anche in attuazione delle disposizioni di cui all'
Sito esternoarticolo 94 bis, comma 5, del d.p.r. 380/2001
, individuano in particolare:
a) le modalità di redazione degli elaborati progettuali da allegare al progetto;
b) le modalità di trasmissione dei progetti, comprensivi dei loro elaborati, concernenti le opere assoggettate al procedimento di autorizzazione ai sensi dell’articolo 167 e al preavviso di deposito ai sensi dell’articolo 169;
c) la tipologia delle indagini geologiche, geofisiche e geotecniche da allegare al progetto;
d) le varianti non sostanziali ai progetti già autorizzati o depositati, ai sensi dell’articolo 170 ter;
e) interventi per la realizzazione di nuove costruzioni che si discostino dalle usuali tipologie o che, per la loro particolare complessità strutturale, richiedono più articolate calcolazioni e verifiche, da assoggettare all’autorizzazione di cui all'articolo 167;
f) gli interventi privi di rilevanza nei riguardi della pubblica incolumità di cui all’articolo 170 bis;
g) gli edifici strategici e rilevanti da assoggettare ad autorizzazione ai sensi dell’articolo 167;
h) la dimensione del campione, ai fini della verifica dei progetti depositati ai sensi dell’articolo 170, nonché i criteri in base ai quali il sorteggio è effettuato;
i) le piccole modifiche, prive di rilevanza, eseguite in corso d’opera e non configurabili come varianti al progetto.
”.
Art. 46
Adeguamento della normativa regionale alla normativa statale. Introduzione della SCIA in sanatoria. Modifiche all'articolo 182 della l.r. 65/2014
1. Il comma 2 dell'articolo 182 della l.r. 65/2014 è sostituito dal seguente:
2. Nei casi di cui al comma 1, la struttura regionale competente rilascia l’autorizzazione in sanatoria oppure l’attestato di avvenuto deposito in sanatoria entro sessanta giorni dalla data di
trasmissione della relativa istanza. Oltre che al soggetto interessato, la struttura regionale competente trasmette tali atti al comune ai fini del rilascio dei titoli in sanatoria o ai fini delle verifiche di propria competenza nel caso di SCIA in sanatoria, fermo restando quanto previsto al comma 3.
”.
Art. 47
Disposizioni per l'adeguamento alla normativa statale della disciplina sui mutamenti di destinazione d'uso senza opere. Modifiche all'articolo 183 della l.r. 65/2014
1. Dopo il comma 1 dell'articolo 183 della l.r. 65/2014 è inserito il seguente:
1 bis. Nel rispetto di quanto previsto all’articolo 184, comma 1, il permesso di costruire comporta la corresponsione di un contributo commisurato alla sola incidenza degli oneri di urbanizzazione nel caso dei mutamenti urbanisticamente rilevanti della destinazione d’uso di cui all’articolo 134, comma 1, lettera e bis), eseguiti in assenza di opere edilizie o correlati ad interventi di restauro e risanamento conservativo.
”.
2. Al comma 3 dell'articolo 183 della l.r. 65/2014 , le parole: “
nonché i mutamenti di destinazione d'uso eseguiti in assenza di opere edilizie,
” sono soppresse.
Art. 48
Adeguamento alle disposizioni in materia di definizioni uniformi e di unificazione dei parametri urbanistici ed edilizi per il governo del territorio. Modifiche all'articolo 184 della l.r. 65/2014
1. Alla lettera a) del comma 1 dell'articolo 184 della l.r. 65/2014 , le parole: “
abitabili o agibili
” sono soppresse.
Art. 49
Adeguamento alle disposizioni in materia di definizioni uniformi e di unificazione e dei parametri urbanistici ed edilizi per il governo del territorio. Modifiche all'articolo 188 della l.r. 65/2014
1. Alla lettera b) del comma 2 dell'articolo 188 della l.r. 65/2014 , la parola: “
abitabile
” è soppressa.
2. Alla lettera d) del comma 2 dell'articolo 188 della l.r. 65/2014 , la parola: “
abitabili
” è soppressa.