Menù di navigazione

Legge regionale 9 aprile 2009, n. 17

Modifiche alla legge regionale 12 gennaio 1994, n. 3 (Recepimento della Sito esternolegge 11 febbraio 1992, n. 157 “Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio”).

Bollettino Ufficiale n. 13, parte prima, del 20 aprile 2009

Art. 1
1. Il comma 3 dell’articolo 24 della legge regionale 12 gennaio 1994, n. 3 (Recepimento della legge 11 febbraio 1992, n. 157 “Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio”), è sostituito dal seguente:
3. Le aree per l’addestramento, l’allenamento e le gare per cani devono insistere su terreni idonei, per specifiche condizioni ambientali, agli scopi della cinofilia venatoria. Qualora sia previsto l’abbattimento di selvaggina, tali aree devono essere costituite in territori di scarso rilievo faunistico.
”.
2. Il comma 4 dell’articolo 24 della l.r. 3/1994 è sostituito dal seguente:
4. L’emanazione del provvedimento di cui al comma 1 è condizionata al consenso del proprietario o del conduttore del fondo interessato. Il provvedimento fissa tempi e modalità di esercizio nonché le misure di salvaguardia della fauna selvatica, nell’arco temporale che va dal 1° gennaio al 31 dicembre di ogni anno.
”.
3. Il comma 7 dell’articolo 24 della l.r. 3/1994 è sostituito dal seguente:
7. L'addestramento, l'allenamento e le gare di cani possono svolgersi anche su fauna selvatica naturale.
”.
4. Dopo il comma 7 dell’articolo 24 della l.r. 3/1994 è inserito il seguente:
7 bis. Nelle aree addestramento, allenamento e gare per cani con abbattimento può essere
esclusivamente utilizzata fauna selvatica di allevamento appartenente alle seguenti specie:
quaglia, fagiano, starna, pernice rossa.
”.
5. Dopo il comma 7 bis della l.r. 3/1994 è inserito il seguente:
7 ter. Fuori dal periodo di caccia aperta nelle aree di cui al comma 7 bis l’abbattimento può essere effettuato in superfici non superiori a 50 ettari e i soggetti devono essere immessi immediatamente prima dell’utilizzazione, muniti di anello di riconoscimento di colore arancione.
”.