Menù di navigazione

Legge regionale 18 febbraio 2005, n. 30

Disposizioni in materia di espropriazione per pubblica utilità.

Bollettino Ufficiale n. 17, parte prima, del 28 febbraio 2005

Capo III
- Ufficio per le espropriazioni
Art. 6
- Ufficio per le espropriazioni e forme di collaborazione tra enti
1. La Regione e (3)

Parole inserite con l.r. 1 agosto 2016, n. 47, art. 3.

gli enti pubblici competenti alla emanazione degli atti di esproprio, nell'ambito della propria autonomia organizzativa, individuano l'ufficio per le espropriazioni, il quale svolge tutte le funzioni che la vigente normativa attribuisce all'autorità espropriante.
1 bis. La Regione può assolvere l'obbligo di cui al comma 1 anche mediante la costituzione di uffici per le espropriazioni presso le strutture di massima dimensione. (4)

Comma inserito con l.r. 1 agosto 2016, n. 47, art. 3.

2. Gli enti locali possono assolvere l'obbligo di cui al comma 1 mediante la costituzione di un ufficio comune per le espropriazioni o mediante altra forma associativa prevista dalla legge.
3. La Regione, (3)

Parole inserite con l.r. 1 agosto 2016, n. 47, art. 3.

gli enti locali e gli altri enti pubblici, per lo svolgimento delle procedure espropriative di propria competenza, possono avvalersi dell'ufficio per le espropriazioni costituito presso altro ente locale, previa intesa, accordo o convenzione con l'ente medesimo.
Art. 6 bis
Elenchi degli atti che dichiarano la pubblica utilità (5)

Articolo inserito con l.r. 1 agosto 2016, n. 47, art. 4.

1. L'ufficio regionale per le espropriazioni cura la tenuta e l'aggiornamento degli elenchi degli atti da cui deriva la dichiarazione di pubblica utilità ovvero con cui è disposta l'espropriazione, distinti in relazione agli enti che li hanno adottati, ricevendo altresì le comunicazioni relative alle procedure espropriative di cui all'articolo 14, comma 3, del d.p.r. 327/2001.
2. Con deliberazione della Giunta regionale sono definite le modalità e gli adempimenti relativi alla tenuta degli elenchi di cui al comma 1 e, nell'ipotesi di cui all'articolo 6, comma 1 bis, è individuato l'ufficio regionale competente agli adempimenti di cui al comma 1.

Note del Redattore:

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo così sostituito con l.r. 1 agosto 2016, n. 47 , art. 1.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo così sostituito con l.r. 1 agosto 2016, n. 47 , art. 2.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole inserite con l.r. 1 agosto 2016, n. 47 , art. 3.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma inserito con l.r. 1 agosto 2016, n. 47 , art. 3.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 1 agosto 2016, n. 47 , art. 4.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole inserite con l.r. 1 agosto 2016, n. 47 , art. 5.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 1 agosto 2016, n. 47 , art. 6.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Lettera inserita con l.r. 1 agosto 2016, n. 47 , art. 7.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo aggiunto con l.r. 1 agosto 2016, n. 47 , art. 8.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Abrogato con l.r. 1 agosto 2016, n. 47 , art. 10.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 6 luglio 2020, n. 51, art. 41 .

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parola così sostituita con l.r. 6 luglio 2020, n. 51, art. 41 .