Menù di navigazione

Legge regionale 24 febbraio 2005, n. 40

Disciplina del servizio sanitario regionale.

Bollettino Ufficiale n. 19, parte prima,, supplemento n. 40, del 7 marzo 2005

Titolo III
- PROGRAMMAZIONE SANITARIA E SOCIALE INTEGRATA REGIONALE E VALUTAZIONE(80)

Rubrica così sostituita con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 8.

Capo I
- Programmazione sanitaria e sociale integrata regionale(81)

Rubrica così sostituita con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 9.

Art. 8
1. La programmazione in materia sanitaria e sociale della Regione assicura, in coerenza con gli strumenti della programmazione nazionale, lo sviluppo dei servizi di prevenzione collettiva, dei servizi ospedalieri in rete, dei servizi sanitari territoriali di zona-distretto e la loro integrazione con i servizi di assistenza sociale, e persegue le finalità del sistema integrato di interventi e servizi sociali definito dalla legge regionale 24 febbraio 2005, n. 41 (Sistema integrato di interventi e servizi per la tutela dei diritti di cittadinanza sociale).
2. La programmazione in materia sanitaria e sociale è articolata su due livelli, regionale e locale.
3. Sono strumenti della programmazione regionale:
a) il piano sanitario e sociale integrato regionale ed i relativi strumenti di attuazione;
b bis) gli atti della programmazione della rete pediatrica regionale; (417)

Lettera inserita con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84, art. 6.

b ter) l’atto regionale di definizione delle linee annuali di programmazione e individuazione degli obiettivi. (417)

Lettera inserita con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84, art. 6.

4. Sono strumenti della programmazione locale:
a) i piani integrati di salute di cui all’articolo 21;
b) i piani attuativi delle aziende unità sanitarie locali di cui all’articolo 22;
c) i piani attuativi delle aziende ospedaliero-universitarie di cui all’articolo 23;
d) le intese e gli accordi stipulati in attuazione degli strumenti di cui al comma 3;
d bis) il sistema annuale di budget aziendale, in linea con gli obiettivi definiti con l’atto regionale. (417)

Lettera inserita con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84, art. 6.

Art. 9
1. La Regione garantisce e sovrintende all’attuazione della programmazione strategica regionale attraverso la programmazione di area vasta ed i relativi piani di area vasta. (686)

Comma così sostituito con l.r. 24 luglio 2018, n. 40, art. 1.

1 bis. La programmazione di area vasta è demandata al direttore della direzione regionale competente in materia di diritto alla salute. (687)

Comma inserito con l.r. 24 luglio 2018, n. 40, art. 1.

2. Le aziende unità sanitarie locali, le aziende ospedaliero-universitarie e gli altri enti del servizio sanitario regionale concorrono, nella specificità propria del ruolo e dei compiti di ciascuna, allo sviluppo a rete del sistema sanitario attraverso la programmazione di area vasta; i contenuti e gli obiettivi principali della programmazione di area vasta sono definiti dal piano sanitario e sociale integrato regionale del quale assumono i riferimenti temporali.
3. Al fine di perseguire l'appropriatezza degli interventi, l'integrazione dei servizi assistenziali in rete, l'ottimizzazione delle risorse e la valorizzazione e lo sviluppo delle risorse umane e delle competenze, la Regione promuove:
a) l’attivazione dei dipartimenti interaziendali di area vasta, quale strumento di coordinamento tecnico professionale finalizzato a supportare la programmazione strategica di area vasta;
b) le iniziative di continuo miglioramento della riorganizzazione a livello di area vasta anche al fine di garantire una omogenea erogazione dei livelli essenziali di assistenza;
c) la valorizzazione della governance tra le istituzioni.
4. Per l'esercizio delle funzioni di cui al presente articolo, sono individuate le seguenti aree vaste:
a) Area vasta Toscana centro, comprendente l'azienda unità sanitaria locale Toscana centro, nonché l'Azienda ospedaliero-universitaria Careggi;
b) Area vasta Toscana nord-ovest, comprendente l'azienda unità sanitaria locale nord-ovest, nonché l’azienda ospedaliera universitaria Pisana;
c) Area vasta Toscana sud-est, comprendente l'azienda unità sanitaria locale sud est, nonché l'azienda ospedaliero universitaria Senese.
5. L'azienda ospedaliero-universitaria Meyer partecipa, in relazione alle competenze di cui all'articolo 33 bis, alla programmazione delle tre aree vaste di cui al comma 4.
6. La Fondazione Toscana Gabriele Monasterio per la ricerca medica e di sanità pubblica partecipa, per quanto di competenza, alle attività di programmazione dell'area vasta nord-ovest e ai dipartimenti interaziendali della medesima area vasta; per le funzioni di valenza regionale partecipa alla programmazione delle tre aree vaste di cui al comma 4.
7. L'Istituto per lo studio e la prevenzione oncologica (ISPO) partecipa, per quanto di competenza, alla programmazione delle tre aree vaste di cui al comma 4.
Art. 9 bis
Abrogato.
Art. 9 ter
1. Il direttore della direzione regionale competente in materia di diritto alla salute, per l’esercizio della programmazione di area vasta, espleta le seguenti funzioni:
a) predisposizione, in attuazione del piano sanitario e sociale integrato regionale, in conformità alle direttive impartite dalla Giunta regionale e coadiuvato dal comitato tecnico di cui al comma 2, della proposta del piano di area vasta, previa intesa con la conferenza aziendale dei sindaci e con il Rettore dell'università;
b) individuazione, sulla base delle proposte dei dipartimenti interaziendali di area vasta, del fabbisogno formativo e di sviluppo delle competenze;
c) monitoraggio e controllo, anche in corso d’anno, circa le iniziative assunte dalle aziende sanitarie in attuazione della programmazione di area vasta;
d) elaborazione della relazione annuale sullo stato di attuazione dei piani di area vasta. La relazione è approvata con deliberazione della Giunta regionale ed è trasmessa, entro trenta giorni, alla commissione consiliare competente.
2. Presso la direzione regionale competente in materia di diritto alla salute è costituto un comitato tecnico per ciascuna area vasta, che coadiuva il direttore della medesima direzione in merito alla programmazione di area vasta e, in particolare, per quanto attiene all’elaborazione della proposta di piano di area vasta di cui all’articolo 23 bis. Il comitato è composto dai direttori generali delle aziende sanitarie e dal direttore generale dell'Ente di supporto tecnico-amministrativo regionale (ESTAR), nonché, per le rispettive funzioni di valenza regionale, dal direttore generale dell’Azienda ospedaliero-universitaria Meyer, dal direttore generale della Fondazione Toscana Gabriele Monasterio e dal direttore generale dell’Istituto per lo studio, la prevenzione e la rete oncologica (ISPRO).
3. In merito alla programmazione di area vasta, il direttore della direzione regionale competente in materia di diritto alla salute si avvale di un nucleo tecnico per le attività di supporto alla programmazione, per le attività di verifica e monitoraggio e per le attività tecnico amministrative. Il nucleo tecnico è composto da personale, anche di qualifica dirigenziale, interno alla direzione regionale competente o alle aziende o enti del servizio sanitario regionale ed opera presso la direzione regionale.
4. La partecipazione agli organismi di cui ai commi 2 e 3 è a titolo gratuito.
Art 9 quater
- Comitato regionale di coordinamento delle programmazioni di area vasta (421)

Articolo inserito con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84, art. 10.

1. Presso la direzione regionale competente in materia di diritto alla salute, è istituito il comitato regionale di coordinamento delle programmazioni di area vasta che svolge funzioni di coordinamento e monitoraggio (690)

Parole soppresse con l.r. 24 luglio 2018, n. 40, art. 4.

.
2. Il comitato è composto dal direttore della direzione regionale competente in materia di diritto alla salute, che lo presiede, e dai direttori generali delle aziende sanitarie, dal direttore generale dell’ESTAR, nonché, per le rispettive funzioni di valenza regionale, dal direttore generale dell’Azienda ospedaliero-universitaria Meyer, dal direttore generale della Fondazione Toscana Gabriele Monasterio e dal direttore generale dell’ISPRO. (691)

Comma così sostituito con l.r. 24 luglio 2018, n. 40, art. 4.

Art. 9 quinquies
- Dipartimenti interaziendali di area vasta (422)

Articolo inserito con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84, art. 11.

1. Il dipartimento interaziendale di area vasta è lo strumento organizzativo di riferimento per il coordinamento della programmazione delle aziende sanitarie in ambito di area vasta.
2. Fanno parte del dipartimento interaziendale le unità operative dei dipartimenti aziendali, o loro unità costitutive, delle aziende sanitarie di area vasta.
3. Il dipartimento interaziendale di area vasta:
a) formula proposte, ai fini della realizzazione degli obiettivi del piano di area vasta, finalizzate a garantire l’omogeneità territoriale dei servizi, la predisposizione dei percorsi diagnostico-terapeutici assistenziali, la qualità e appropriatezza delle cure, l’efficienza organizzativa, tenuto conto di soglie, volumi e parametri di qualità e sicurezza definiti a livello regionale;
b) contribuisce alla definizione del fabbisogno formativo e di sviluppo delle competenze;
c) fornisce al direttore della direzione regionale competente in materia di diritto alla salute contributi per il monitoraggio delle iniziative assunte dalle aziende in attuazione della programmazione di area vasta. (693)

Lettera così sostituita con l.r. 24 luglio 2018, n. 40, art. 5.

4. Il dipartimento interaziendale di area vasta è dotato di un’assemblea, composta dai direttori dei dipartimenti afferenti ai percorsi clinico assistenziali concernenti il dipartimento interaziendale interessato. (694)

Comma così sostituito con l.r. 24 luglio 2018, n. 40, art. 5.

4 bis. L’assemblea, di cui al comma 4, può svolgere la propria attività attraverso la costituzione di gruppi di lavoro, cui possono partecipare referenti professionali delle unità operative di cui al comma 2, referenti dei dipartimenti delle professioni di cui all’articolo 69 quinquies, i responsabili di branca della specialistica convenzionata afferenti a quel dipartimento, rappresentanti del dipartimento della medicina generale. (695)

Comma inserito con l.r. 24 luglio 2018, n. 40, art. 5.

4 ter. Il dipartimento interaziendale di area vasta è coordinato da uno dei membri dell’assemblea, individuato dal direttore della direzione regionale competente in materia di diritto alla salute, su proposta dell’assemblea stessa. (695)

Comma inserito con l.r. 24 luglio 2018, n. 40, art. 5.

4 quater. I coordinatori dei diversi dipartimenti interaziendali di area vasta sono individuati secondo le modalità di cui al comma precedente, garantendo, in ogni caso, un criterio di proporzionalità fra il personale delle aziende unità sanitarie locali, il personale delle aziende ospedaliero-universitarie e la componente universitaria, sulla base di parametri definiti con apposita deliberazione della Giunta regionale. (695)

Comma inserito con l.r. 24 luglio 2018, n. 40, art. 5.

5. Il dipartimento interaziendale adotta un apposito regolamento per la disciplina del proprio funzionamento.
6. I dipartimenti interaziendali di area vasta sono individuati, sulla base del criterio del percorso assistenziale e tenuto conto delle reti cliniche già attive, su proposta del direttore della direzione regionale competente in materia di diritto alla salute, (696)

Parole così sostituite con l.r. 24 luglio 2018, n. 40, art. 5.

con specifica deliberazione di Giunta regionale.
Capo II
- Il concorso dei soggetti istituzionali e delle autonomie sociali alla programmazione sanitaria e sociale integrata(84)

Parole così sostituite con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 12.

Art. 10
- Regione
1. Il Consiglio regionale, su proposta della Giunta regionale, approva:
1 bis. La Giunta regionale approva i piani di area vasta, previo parere della commissione consiliare competente, ai sensi dell’articolo 23 bis comma 4. (424)

Comma inserito con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84, art. 12.

2. La Giunta regionale esercita le funzioni di indirizzo anche tecnico e di coordinamento delle attività delle aziende sanitarie e dell' ESTAR, (324)

Parole così sostituite con l.r. 23 maggio 2014, n. 26, art. 3.

in conformità alle disposizioni del piano sanitario e sociale integrato regionale(86)

Parole così sostituite con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 13.

e dei piani di area vasta.
3. La Giunta regionale esercita le attività di controllo e vigilanza, promozione e supporto nei confronti delle aziende sanitarie e dell' ESTAR; (324)

Parole così sostituite con l.r. 23 maggio 2014, n. 26, art. 3.

la Giunta regionale, in particolare:
a) determina il fabbisogno finanziario del servizio sanitario regionale secondo quanto previsto dall' articolo 26 ;
b) approva gli atti di bilancio delle aziende sanitarie, dandone comunicazione al Consiglio regionale;
c) approva il piano attuativo delle aziende ospedaliero-universitarie, dandone comunicazione al Consiglio regionale;
d bis) impartisce direttive alle aziende sanitarie per la definizione dello statuto e dei regolamenti interni, previo parere della commissione consiliare competente, ai sensi dell’articolo 50, comma 1; (425)

Lettera inserita con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84, art. 12.

e) esprime il proprio parere, sentita la commissione consiliare competente, (426)

Parole inserite con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84, art. 12.

sullo statuto delle aziende sanitarie e sul regolamento generale dell'ESTAR (324)

Parole così sostituite con l.r. 23 maggio 2014, n. 26, art. 3.

;
f) verifica, attraverso le relazioni sanitarie aziendali, la corrispondenza dei risultati raggiunti con i risultati attesi previsti dai piani attuativi;
g) esercita il controllo di conformità al piano sanitario e sociale integrato regionale (86)

Parole così sostituite con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 13.

sugli atti di cui all' articolo 8 , comma 4, lettera b), dandone comunicazione al Consiglio regionale.
4. La Giunta regionale individua procedure e modalità di valutazione della qualità delle prestazioni e dei percorsi assistenziali con particolare riferimento ai seguenti profili:
a) risultati complessivi delle aziende sanitarie e delle società della salute in termini di appropriatezza, di soddisfazione dell'utenza e degli operatori, di economicità della gestione;(85)

Lettera così sostituita con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 13.

b) risultati specifici raggiunti dalle strutture organizzative aziendali ed in particolare dei dipartimenti assistenziali integrati delle aziende ospedaliero-universitarie in relazione agli obiettivi della programmazione aziendale ed alle funzioni attribuite all'azienda dalle disposizioni regionali;
b bis) risultati specifici raggiunti dalle società della salute per l’organizzazione e l’erogazione di attività di assistenza territoriale, di prestazioni ad alta integrazione socio-sanitaria e di prestazioni sanitarie a rilevanza sociale, individuate dalla programmazione regionale; (88)

Lettera inserita con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 13.

c) qualità clinica delle prestazioni erogate, anche in relazione ad obiettivi di eccellenza.
4 bis. Nel rispetto dei principi fondamentali stabiliti dalla normativa nazionale vigente, la Giunta regionale, previo confronto con le organizzazioni sindacali, impartisce indirizzi con propria deliberazione alle aziende ed agli enti del servizio sanitario regionale ai fini dell’implementazione del sistema di valutazione del personale del servizio sanitario regionale. In particolare la Giunta regionale definisce il numero delle fasce di merito, in misura non inferiore a tre. Il personale viene collocato nelle fasce di merito in base ai risultati del sistema di valutazione, secondo criteri di valorizzazione del merito. (249)

Comma inserito con l.r. 30 dicembre 2010, n. 67 , art. 1.

4 ter. La Giunta regionale impartisce altresì indirizzi con propria deliberazione al fine dell’adeguamento dei nuclei di valutazione già esistenti all’interno delle aziende sanitarie e degli enti del servizio sanitario regionale ai principi dettati dalla normativa nazionale vigente in tema di organismi indipendenti di valutazione.(249)

Comma inserito con l.r. 30 dicembre 2010, n. 67 , art. 1.

4 quater. Le aziende e gli enti del servizio sanitario regionale adeguano i contratti collettivi integrativi alle disposizioni della presente legge e agli atti di indirizzo di cui ai commi 4 bis e 4 ter, nei termini previsti dalla normativa nazionale vigente. (249)

Comma inserito con l.r. 30 dicembre 2010, n. 67 , art. 1.

4. quinquies. Ai fini della valutazione della reale efficacia delle tecnologie, della loro appropriatezza ed efficienza, dei benefici clinici e organizzativi ad esse legati, è istituita, presso la direzione regionale competente in materia di diritto alla salute, la Commissione di valutazione delle tecnologie e degli investimenti sanitari. (427)

Comma inserito con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84, art. 12.

4 sexies. La Commissione, di cui al comma 4 quinquies, è composta:
a) dal direttore della direzione regionale competente in materia di diritto alla salute, o suo delegato, con funzioni di coordinamento;
b) dal dirigente del settore regionale competente in materia di tecnologie sanitarie;
c) dal dirigente del settore regionale competente in materia di politiche del farmaco;
d) dal dirigente del settore regionale competente in materia di investimenti;
4 septies. La Giunta regionale definisce con specifico atto le modalità di funzionamento della Commissione di valutazione delle tecnologie sanitarie. (427)

Comma inserito con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84, art. 12.

4 octies. Per lo svolgimento dei propri compiti la Commissione può avvalersi di esperti individuati all'interno del servizio sanitario regionale, dell'Organismo toscano per il governo clinico (628)

Parole così sostituite con l.r. 25 luglio 2017, n. 36, art. 1.

, della Commissione terapeutica regionale e degli organismi di governo clinico della Regione. (427)

Comma inserito con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84, art. 12.

5. La Giunta regionale presenta annualmente al Consiglio regionale una relazione nella quale sono illustrati in maniera documentata gli esiti delle valutazioni di cui al comma 4.(89)

Comma così sostituito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 13.

Art. 10 bis
- Interazione tra gli enti e le aziende del servizio sanitario regionale e la direzione regionale competente in materia di diritto alla salute (601)

Articolo inserito con l.r. 23 marzo 2017, n. 11, art. 2.

1. La Giunta regionale, nel rispetto della normativa statale vigente, realizza la mobilità temporanea di personale tra la direzione regionale competente in materia di dritto alla salute e le aziende e gli enti del servizio sanitario regionale per far fronte a comprovate esigenze di servizio o di specifiche professionalità, nonché per consentire l'interscambio di esperienze, la collaborazione su specifici progetti, la formazione e l'aggiornamento professionale.
2. La mobilità è attuata a seconda dei casi tramite gli istituti del comando e del distacco previo parere dell'ente di provenienza e su assenso del personale interessato nei limiti del contingente annualmente fissato con deliberazione della Giunta regionale. I relativi oneri sono posti a carico del fondo sanitario regionale.
3. La finalità, la durata e le modalità di svolgimento del distacco sono definite in una convenzione tra la Regione e le aziende e gli enti di provenienza.
Art. 11
1. La conferenza regionale delle conferenze zonali dei sindaci, di seguito denominata conferenza regionale dei sindaci, è l’organo attraverso il quale tali soggetti partecipano alla definizione delle politiche regionali in materia sanitaria e sociale ed al coordinamento della programmazione a livello regionale e locale.
2. La conferenza regionale dei sindaci è copresieduta dagli assessori regionali competenti per materia ed è composta dai presidenti delle conferenze zonali dei sindaci di cui all’articolo 34 della l.r. 41/2005 e dai presidenti delle conferenze zonali integrate di cui all'articolo 12 bis (602)

Parole inserite con l.r. 23 marzo 2017, n. 11, art. 3.

ovvero dai presidenti delle società della salute. La componente comunale esprime un vicepresidente della conferenza regionale dei sindaci.
3. Alle sedute della conferenza regionale dei sindaci sono invitati:
a) due rappresentanti (428)

Parole così sostituite con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84, art. 13.

dell'Associazione nazionale comuni italiani (ANCI);
c) il direttore della direzione regionale competente in materia di diritto alla salute o suo delegato. (430)

Lettera così sostituita con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84, art. 13.

(698)

Lettera così sostituita con l.r. 24 luglio 2018, n. 40, art. 7.

4. La conferenza regionale dei sindaci:
a) esprime parere sulle proposte di legge e di regolamento in materia sanitaria e sociale;
b) esprime parere sulla proposta di piano sanitario e sociale integrato regionale;
b bis) esprime parere nei casi di decadenza o revoca del direttore generale dell’azienda ospedaliero-universitaria ai sensi dell’articolo 39, comma 4; (699)

Lettera inserita con l.r. 24 luglio 2018, n. 40, art. 7.

c) concorre all’elaborazione delle linee-guida previste dall’articolo 21, comma 7 (428)

Parole così sostituite con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84, art. 13.

;
d) concorre a determinare la composizione del fondo di cui all’articolo 25, comma 1, lettera a), con riferimento al riparto delle risorse tra i livelli uniformi ed essenziali di assistenza;
e) concorre alla quantificazione delle risorse che ciascuna azienda unità sanitaria locale deve destinare alle zone-distretto;
f) concorre a determinare i criteri di riparto tra enti locali associati delle risorse del fondo sociale regionale di cui all’articolo 45 della l.r. 41/2005;
g) esprime parere sul numero e sulla composizione delle zone-distretto delle aziende unità sanitarie locali, ai sensi dell’articolo 64, comma 3 (428)

Parole così sostituite con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84, art. 13.

.
5. La conferenza regionale dei sindaci esprime i pareri di cui al comma 4, lettere a), b), c) ed f), entro trenta giorni dal ricevimento della relativa documentazione.
6. Fermo restando il riparto delle risorse attribuite dal piano sanitario e sociale integrato regionale, la conferenza regionale dei sindaci propone i criteri per il riparto delle risorse aggiuntive attribuite dal medesimo piano per l’esercizio delle attività socio-sanitarie ad alta integrazione sanitaria e delle altre prestazioni sanitarie a rilevanza sociale di cui all’articolo 3 septies, comma 3, del decreto delegato.
7. La conferenza regionale dei sindaci valuta annualmente, anche sulla base dei documenti di monitoraggio di cui all’articolo 20, lo stato dell’organizzazione e dell’efficacia dei servizi.
8. Le modalità di funzionamento della conferenza regionale dei sindaci sono disciplinate da apposito regolamento adottato dalla conferenza medesima, a maggioranza dei due terzi (431)

Parole inserite con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84, art. 13.

dei suoi componenti. Il supporto tecnico amministrativo alle attività della conferenza regionale dei sindaci è assicurato da personale della competente direzione generale della Giunta regionale e, previo accordo, del soggetto rappresentativo ed associativo dei comuni in ambito regionale.
Art. 11 bis
Abrogato.
Art. 12
1. La conferenza aziendale è composta dai presidenti delle conferenze zonali integrate e dai presidenti delle società della salute ed è presieduta da uno dei componenti scelto fra i presidenti delle conferenze zonali integrate o fra i presidenti delle società della salute. Alle sedute della conferenza partecipano per gli atti di relativa competenza i direttori generali delle aziende sanitarie di area vasta, il direttore della direzione regionale competente in materia di diritto alla salute, o suo delegato (700)

Parole così sostituite con l.r. 24 luglio 2018, n. 40, art. 8.

e il Rettore dell’università di riferimento senza diritto di voto.
2. I componenti della conferenza aziendale intervengono ognuno con le proprie quote di partecipazione in proporzione alla popolazione residente.
3. La conferenza aziendale dei sindaci assume le proprie deliberazioni con il voto favorevole della maggioranza dei rappresentanti e con il voto favorevole dei componenti che rappresentano almeno il 67 per cento delle quote di partecipazione.
4. Il funzionamento della conferenza aziendale dei sindaci è disciplinato da un apposito regolamento adottato dalla conferenza stessa. Il regolamento può prevedere la possibilità di delega da parte dei presidenti delle conferenze zonali integrate o dei presidenti delle società della salute. Il regolamento può prevedere la costituzione di un esecutivo con funzioni istruttorie per la conferenza.
5. La conferenza aziendale dei sindaci esercita le funzioni di indirizzo, verifica e valutazione di cui all'articolo 3, comma 14, del decreto delegato.
6. La conferenza aziendale dei sindaci svolge le seguenti funzioni:
a) emana gli indirizzi per l'elaborazione del piano attuativo locale di cui all'articolo 22;
b) approva il piano attuativo locale;
c) esprime le proprie valutazioni in merito alla nomina del direttore generale ai sensi dell'articolo 37, comma 2, lettera a);
d) esamina ed esprime parere sugli atti di bilancio dell'azienda unità sanitaria locale;
e) propone al Presidente della Giunta regionale la revoca del direttore generale ai sensi dell'articolo 39, comma 8;
f) concorre con propri indirizzi all’elaborazione del piano di area vasta di cui all’articolo 23 bis;
g) esprime l’intesa sul piano di area vasta ai sensi dell’articolo 23 bis, comma 4;
h) esprime parere obbligatorio sul piano attuativo delle aziende ospedaliero universitarie di riferimento e sulle relative relazioni aziendali.
7. L'azienda unità sanitaria locale mette a disposizione idonei locali per la conferenza aziendale dei sindaci e per le conferenze zonali dei sindaci. Le conferenze aziendali dei sindaci e le conferenze zonali dei sindaci sono supportate, nell'esercizio delle loro attività, dall'insieme degli uffici di piano di livello zonale di cui all'articolo 64.2, comma 5.
Art. 12 bis
1. La conferenza zonale integrata è la conferenza zonale dei sindaci di cui all’articolo 34 della legge regionale 24 febbraio 2005, n. 41 (Sistema integrato di interventi e servizi per la tutela dei diritti di cittadinanza sociale), integrata con il direttore generale dell'azienda unità sanitaria locale o suo delegato.
2. I componenti della conferenza zonale integrata intervengono ognuno con le proprie quote di partecipazione così determinate:
a) il 66 per cento del totale è assegnato ai rappresentanti delle amministrazioni locali, che lo ripartiscono fra di loro in proporzione alla popolazione residente;
b) il 34 per cento del totale è assegnato all’azienda sanitaria locale di riferimento.
3. La conferenza zonale integrata assume le proprie deliberazioni con il voto favorevole della maggioranza dei rappresentanti degli enti locali e con il voto favorevole dei componenti che rappresentano almeno il 67 per cento delle quote di partecipazione, ad eccezione dell’intesa di cui al comma 5, lettera c).
4. Alla conferenza di cui al presente articolo si applica l’articolo 34, commi 3, 4 e 5, della l.r. 41/2005.
5. La conferenza zonale integrata esercita le funzioni di indirizzo degli obiettivi sanitari, socio-sanitari e sociali integrati di livello locale in coerenza con la programmazione aziendale e sulla base del profilo di salute ed in particolare:
a) emana gli indirizzi per l'elaborazione del piano integrato di salute (PIS), tenuto conto del profilo di salute e delle risorse a disposizione;
b) approva il PIS;
c) esprime l’intesa necessaria per la nomina del responsabile di zona;
d) coordina gli strumenti della programmazione operativa di livello zonale;
e) approva la convenzione per l'esercizio delle funzioni di integrazione socio-sanitaria, di cui all'articolo 70 bis;
f) esprime l’intesa necessaria per la nomina del coordinatore sociale di zona di cui all’articolo 37 della l.r. 41/2005.
6. Il funzionamento della conferenza zonale integrata è disciplinato da un apposito regolamento adottato dalla conferenza stessa. Il regolamento può prevedere la possibilità di delega da parte del sindaco a favore dell’assessore competente e da parte del direttore generale nei confronti di un componente del comitato di direzione ad esclusione del responsabile di zona-distretto. Il regolamento può prevedere la costituzione di un esecutivo della conferenza.
7. Laddove costituite le società della salute le competenze della conferenza zonale integrata sono esercitate dall’assemblea dei soci di cui all’articolo 71 sexies.
Art. 13
- Università
1. Le università toscane contribuiscono, per quanto di competenza, all'elaborazione degli atti della programmazione regionale.
2. La Giunta regionale, acquisito il parere obbligatorio della commissione consiliare competente, che si esprime nel termine di trenta giorni dalla richiesta, nell'ambito del piano sanitario e sociale integrato regionale vigente, elabora un protocollo d'intesa con le università per regolamentare il loro apporto alle attività assistenziali del servizio sanitario regionale e contestualmente l'apporto di quest'ultimo alle attività didattiche, nel rispetto delle finalità istituzionali proprie delle università e del servizio sanitario regionale; a tal fine, è costituito il comitato per l'intesa formato dal Presidente della Giunta regionale e dai rettori delle università. Il protocollo d’intesa opera per il periodo di validità del piano sanitario e sociale integrato regionale. (325)

Comma così sostituito con l.r. 23 maggio 2014, n. 26, art. 4.

2 bis. Al fine di promuovere fra le aziende ospedaliero-universitarie una programmazione strategica coordinata, nell’ambito del protocollo di cui al comma 2, sono definite, nel rispetto dell’autonomia organizzativa e delle rispettive priorità aziendali, le linee fondamentali delle attività di formazione, di assistenza clinica e di ricerca. (326)

Comma inserito con l.r. 23 maggio 2014, n. 26, art. 4.

3. Nell'individuazione della dislocazione delle strutture del servizio sanitario regionale, gli strumenti della programmazione regionale tengono conto delle strutture universitarie, secondo quanto previsto dal Sito esternod.lgs. 517/1999 ; l'attuazione del protocollo d'intesa (327)

Parole così sostituite con l.r. 23 maggio 2014, n. 26, art. 4.

per le attività assistenziali è disciplinata dallo statuto aziendale, nonché da eventuali accordi previsti dallo statuto medesimo; per le attività formative e di ricerca gli accordi attuativi sono stipulati tra l'azienda ospedaliero-universitaria di riferimento e le aziende sanitarie interessate, tenuto conto della programmazione di area vasta.
4. Per la predisposizione del protocollo di intesa (327)

Parole così sostituite con l.r. 23 maggio 2014, n. 26, art. 4.

è costituita apposita commissione con funzioni di supporto tecnico per il comitato di cui al comma 2; la commissione è formata dal direttore della direzione regionale competente in materia di diritto alla salute o suo delegato e da ulteriori rappresentanti della Regione, nonché da rappresentanti delle università e delle aziende interessate; (701)

Parole così sostituite con l.r. 24 luglio 2018, n. 40, art. 9.

le rappresentanze sono designate, per le parti di rispettiva competenza, dai membri del comitato e dai direttori generali delle aziende; le rappresentanze delle aziende ospedaliere sono designate in maniera da assicurare la pariteticità tra la componente ospedaliera e quella universitaria all'interno della commissione; alle attività della commissione partecipano, ai fini della individuazione degli specifici fabbisogni formativi, nonché per l'attuazione delle disposizioni di cui all' articolo 6 , commi 2 e 3 del decreto delegato, rappresentanti degli ordini e dei collegi professionali competenti.
4 bis. La commissione di cui al comma 4, svolge attività di monitoraggio in merito all'attuazione del protocollo di intesa ed elabora una relazione annuale che trasmette al direttore generale della direzione regionale competente per materia, all'assessore regionale competente per materia, alla commissione consiliare competente per materia e ai rettori delle università. (326)

Comma inserito con l.r. 23 maggio 2014, n. 26, art. 4.

5. Il protocollo di intesa, (327)

Parole così sostituite con l.r. 23 maggio 2014, n. 26, art. 4.

nel rispetto di quanto disposto dagli articoli 6, 6-bis e 6-ter del decreto delegato, dal Sito esternod.lgs. 517/1999 e dagli strumenti della programmazione sanitaria e sociale integrata regionale,(92)

Parole così sostituite con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 16.

tenuto conto delle finalità istituzionali dei contraenti, indirizza e vincola, (327)

Parole così sostituite con l.r. 23 maggio 2014, n. 26, art. 4.

nelle aree di seguito indicate, lo statuto delle aziende ospedaliero-universitarie e gli accordi attuativi fra azienda ed università disciplinando:
a) per le attività assistenziali: i criteri per la costituzione delle strutture organizzative;
b) per le attività didattiche: i criteri per la determinazione degli apporti reciproci, con particolare riguardo alle modalità di partecipazione del personale del Servizio Sanitario Nazionale alla didattica e alla formazione, (433)

Parole aggiunte con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84, art. 17.

tenuto conto del fabbisogno formativo espresso dal servizio sanitario regionale, secondo la disciplina di cui al titolo IV, capo V; i criteri per l'individuazione e l'organizzazione delle scuole e dei corsi di studio, (327)

Parole così sostituite con l.r. 23 maggio 2014, n. 26, art. 4.

sulla base degli ordinamenti didattici vigenti; i criteri per la ripartizione degli oneri;
c) per le attività di ricerca: le tipologie di studi e ricerche da attribuire ai dipartimenti assistenziali integrati; i criteri di ripartizione degli oneri e di utilizzo dei risultati;
d) la partecipazione della Regione e delle università ai risultati di gestione delle aziende ospedaliero-universitarie.
Art. 14
- Enti di ricerca e istituti di ricovero e cura a carattere scientifico
1. I rapporti tra la Regione, gli istituti di ricovero e cura a carattere scientifico e gli enti di ricerca, le cui attività istituzionali sono concorrenti con le finalità del servizio sanitario regionale, sono definiti sulla base di specifici protocolli stipulati dal Presidente della Giunta regionale e dai rappresentanti istituzionali degli enti medesimi; i protocolli sono adottati nell'ambito del piano sanitario e sociale integrato regionale(93)

Parole così sostituite con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 17.

vigente ed individuano gli spazi di collaborazione sul versante assistenziale, della formazione e dello sviluppo delle competenze e conoscenze nel settore sanitario.
2. I rapporti convenzionali per le attività assistenziali tra il servizio sanitario regionale, gli istituti di ricovero e cura a carattere scientifico e gli enti di ricerca, sono instaurati tra le aziende sanitarie e gli enti medesimi sulla base dei protocolli d'intesa di cui al comma 1.
Art. 15
- Partecipazione alla programmazione
1. La Regione, le aziende unità sanitarie locali e le società della salute promuovono e assicurano la partecipazione degli utenti, delle organizzazioni sindacali, delle organizzazioni di volontariato, delle associazioni di tutela e di promozione sociale, della cooperazione sociale e degli altri soggetti del terzo settore al processo di programmazione socio-sanitaria in ambito regionale e locale e valorizzano il contributo degli operatori, delle associazioni professionali e delle società scientifiche accreditate attraverso adeguate modalità di consultazione.(94)

Comma così sostituito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 18.

Art. 16
- Tutela dei diritti dell'utenza
1. E' compito della Regione:
a) assicurare il coordinamento ed il monitoraggio delle attività relative alla definizione degli indicatori ed alla verifica degli standard di qualità di cui all' articolo 14 , comma 1, del decreto delegato;
b) sovrintendere al processo di attuazione delle carte dei servizi, anche impartendo direttive per la loro omogenea definizione e linee guida per la necessaria integrazione tra le aziende sanitarie dello stesso ambito territoriale;
c) impartire direttive alle aziende sanitarie e formulare indirizzi alle società della salute, ove costituite, per la promozione del diritto all’informazione, riconoscendo in quest’ultimo la condizione fondamentale per assicurare agli utenti l’esercizio della libera scelta nell’accesso alle strutture sanitarie e la partecipazione alla verifica della qualità dei servizi e delle prestazioni erogate, verificandone annualmente i risultati.(96)

Lettera così sostituita con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 19.

c bis) promuovere la partecipazione dei cittadini e verificare l’effettiva conoscenza dei loro diritti, nonché assicurare l’integrazione degli organismi di partecipazione di livello regionale e locale.(675)

Lettera aggiunta con l.r. 14 dicembre 2017, n. 75, art. 1.

2. La Regione individua quali specifici strumenti di informazione, di partecipazione e di controllo da parte degli assistiti sulla qualità dei servizi erogati:
a) la carta dei servizi di cui alla Sito esternolegge 11 luglio 1995, n. 273 (Misure urgenti per la semplificazione dei procedimenti amministrativi e per il miglioramento dell'efficienza delle pubbliche amministrazioni);
b) la conferenza dei servizi di cui all' articolo 14 , comma 4, del decreto delegato;
c) i protocolli d'intesa di cui all' articolo 14 , comma 7, del decreto delegato.
c bis) il Consiglio dei cittadini per la salute, di cui all’articolo 16 bis(676)

Lettera aggiunta con l.r. 14 dicembre 2017, n. 75, art. 1.

c ter) i comitati aziendali di partecipazione, di cui all’articolo 16 ter;(676)

Lettera aggiunta con l.r. 14 dicembre 2017, n. 75, art. 1.

c quater) i comitati di partecipazione di cui all’articolo 16 quater.(676)

Lettera aggiunta con l.r. 14 dicembre 2017, n. 75, art. 1.

3. Le aziende sanitarie, previo confronto con le organizzazioni di cui all' articolo 15 , comma 1, approvano e aggiornano annualmente la carta dei servizi, e adottano il regolamento per la tutela degli utenti.
4. La carta dei servizi è lo strumento attraverso il quale le aziende sanitarie orientano ed adeguano le proprie attività alla soddisfazione dei bisogni degli utenti; la carta contiene gli impegni per il miglioramento dei servizi, definisce gli indicatori di qualità e gli standard, generali e specifici, cui gli stessi devono adeguarsi.
5. Le aziende sanitarie assicurano specifiche attività di informazione e di tutela degli utenti e definiscono un apposito piano di comunicazione aziendale finalizzato a promuovere la conoscenza da parte di tutti i soggetti interni ed esterni dei contenuti della carta e della relativa attuazione.
6. Le aziende sanitarie, ai fini di cui al comma 5, assicurano l'informazione in ordine alle prestazioni erogate, alle tariffe, alle modalità di accesso ai servizi, ai tempi di attesa, anche con riguardo all'attività libero professionale intramuraria, e si dotano di un efficace sistema di raccolta e di trattamento delle segnalazioni e degli esposti, garantendo certezza e rapidità di risposta.(97)

Parole aggiunte con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 19.

7. Le aziende sanitarie individuano la collocazione, i compiti e le funzioni dell'ufficio relazioni con il pubblico.
8. Le aziende sanitarie e le società della salute, ove costituite, realizzano appositi punti informativi, a disposizione degli utenti sulle prestazioni erogate nell’ambito del territorio di riferimento e per un orientamento sull’accesso alle prestazioni erogate nell’ambito della Regione, e coordinano le rispettive attività dirette alla informazione degli utenti. (98)

Comma così sostituito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 19.

9. Il direttore generale d'intesa con la conferenza aziendale dei sindaci(99)

Parole così sostituite con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 19.

indice la conferenza di cui al comma 2, lettera b), per verificare il grado di raggiungimento degli obiettivi fissati dalla programmazione aziendale, il rispetto degli impegni assunti con la carta dei servizi e definire gli interventi utili per il loro miglioramento; a tal fine il direttore generale rende noti i dati relativi all'andamento dei servizi ed al grado di raggiungimento degli standard con particolare riferimento allo svolgimento delle attività di tutela degli utenti.
10. Alla conferenza dei servizi partecipano i rappresentanti delle associazioni che hanno stipulato i protocolli di intesa di cui al comma 11.
11. Il protocollo d'intesa è lo strumento attraverso il quale le aziende sanitarie, e le società della salute, ove costituite, stipulano con le associazioni di volontariato e di tutela(99)

Parole così sostituite con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 19.

modalità di confronto permanente sulle tematiche della qualità dei servizi e della partecipazione degli utenti, definendo altresì la concessione in uso di locali e le modalità di esercizio del diritto di accesso e di informazione; i contenuti obbligatori di tali protocolli sono individuati con atto della Giunta regionale.
Art 16 bis
1. È istituito presso la direzione regionale competente in materia di diritto alla salute il Consiglio dei cittadini per la salute, con funzioni consultive e propositive nelle materie attinenti alla tutela del diritto alla salute, dell’equità di accesso e della qualità e sicurezza dei servizi sanitari e socio-sanitari.
2. Il Consiglio dei cittadini per la salute, in relazione alle competenze di cui al comma 1, in particolare:
a) contribuisce alla predisposizione degli atti di programmazione di ambito regionale o di area vasta;
b) fornisce contributi, anche all'Organismo toscano per il governo clinico di cui all'articolo 49 bis, per la redazione dei percorsi diagnostici terapeutici assistenziali relativi, in particolare, alle reti cliniche regionali;
c) collabora allo sviluppo di strumenti di rilevazione sulla qualità dei servizi dal punto di vista del cittadino, in raccordo con gli organismi a ciò preposti;
d) propone iniziative culturali, nonché attività di studio e ricerca per le materie di competenza.
3. Il Consiglio dei cittadini per la salute assicura il supporto e coordinamento dell’azione dei comitati aziendali di partecipazione di cui all’articolo 16 ter.
4. Il Consiglio dei cittadini per la salute riferisce annualmente alla commissione consiliare competente in merito alla sua attività in occasione delle audizioni dei direttori generali di cui all’articolo 24, comma 4 bis.
5. Il Consiglio dei cittadini per la salute, presieduto dall’assessore regionale competente in materia di diritto alla salute, è composto da ventitré membri di cui:
a) tre designati fra i propri componenti da ciascun comitato aziendale di partecipazione delle aziende unità sanitarie locali di cui all’articolo 16 ter;
b) uno designato fra i propri componenti da ciascun comitato aziendale di partecipazione delle aziende ospedaliero-universitarie e degli altri enti del servizio sanitario regionale di cui all’articolo 16 ter;
c) tre designati dal Comitato regionale dei consumatori e degli utenti di cui all’articolo 2 della legge regionale 20 febbraio 2008, n. 9 (Norme in materia di tutela e difesa dei consumatori e degli utenti), nell'ambito delle proprie associazioni rappresentative dell'utenza, competenti in materia sanitaria e socio-sanitaria, operanti in tutte e tre le aree vaste della Toscana;
d) cinque designati congiuntamente al loro interno dagli organismi di partecipazione istituiti presso la direzione competente in materia di diritto alla salute per affrontare specifiche tematiche sanitarie e socio-sanitarie.
6. Il Consiglio dei cittadini per la salute è nominato dal Presidente della Giunta regionale e resta in carica per la durata della legislatura regionale.
7. Il Presidente della Giunta regionale procede alla nomina del Consiglio dei cittadini per la salute non appena il numero delle designazioni pervenute ai sensi del comma 5 rappresenti la maggioranza dei componenti del Consiglio dei cittadini per la salute stesso.
8. La Giunta regionale, con deliberazione, disciplina il funzionamento del Consiglio dei cittadini per la salute, nonché la corresponsione dei rimborsi spese spettanti ai componenti nella misura stabilita per i dirigenti regionali.
Art 16 ter
1. Presso ciascuna azienda o ente del servizio sanitario regionale, è istituito il comitato aziendale di partecipazione con funzioni di consultazione e proposta a supporto della direzione aziendale, in merito alla qualità dei servizi erogati dall’azienda, con particolare riferimento all'equità nell'accesso e nella fruizione dei servizi.
2. Il comitato aziendale di partecipazione, in relazione alle competenze di cui al comma 1, in particolare:
a) contribuisce alla predisposizione di documenti di programmazione di ambito aziendale, riguardo al rispetto del diritto alla salute dei cittadini nonché alla qualità dei servizi;
b) svolge attività di monitoraggio in merito al rispetto delle garanzie e degli impegni indicati dalla carta dei servizi di cui all'articolo 16, comma 2, lettera a), con particolare riferimento ai percorsi di accesso e di fruibilità dei servizi, tenendo conto degli strumenti di ascolto e di valutazione partecipata e degli indicatori di qualità, sulla base di elementi misurabili, attività di analisi e monitoraggio degli scostamenti tra i singoli obiettivi;
c) partecipa ai processi informativi e comunicativi tra azienda e cittadini, al fine di assicurare la chiarezza delle informazioni e l’efficacia della comunicazione, nonché di promuovere un uso appropriato e consapevole dei servizi;
d) propone incontri con i cittadini, volti a facilitare l’accesso ai servizi, il mantenimento dello stato di salute, l’informazione sulle cure e l'adeguato ricorso ai servizi.
3. Il comitato aziendale di partecipazione è composto:
a) nelle aziende unità sanitarie locali, da due membri designati fra i propri componenti da ciascun comitato di partecipazione di cui all’articolo 16 quater;
b) nelle aziende ospedaliero-universitarie e negli enti del servizio sanitario regionale, da un membro designato, fra i propri associati, da ciascuna delle associazioni rappresentative dell’utenza, nonché dell’associazionismo di tutela, di promozione e di sostegno attivo purché non erogatori di prestazioni, che abbiano stipulato il protocollo d'intesa di cui all'articolo 16, comma 2, lettera c).
4. Il comitato aziendale di partecipazione è nominato dal direttore generale di ciascuna azienda o ente del servizio sanitario regionale.
5. La Giunta regionale, con propria deliberazione, stabilisce gli indirizzi per il funzionamento dei comitati aziendali di partecipazione
6. La partecipazione al comitato aziendale di partecipazione non comporta la corresponsione di alcuna indennità di carica o di presenza. È fatto salvo il rimborso delle spese sostenute che è posto a carico delle aziende ed enti del servizio sanitario regionale presso cui è istituito il comitato.
Art. 16 quater
Comitato di partecipazione di zona-distretto e altre forme partecipative (679)

Articolo inserito con l.r. 14 dicembre 2017, n. 75, art. 4.

1. In ciascuna zona-distretto o società della salute, ove costituita, è istituito il comitato di partecipazione, con funzioni di consultazione e proposta in merito all'organizzazione ed erogazione dei servizi.
2. Il comitato di partecipazione è composto da membri designati dalle associazioni rappresentative dell’utenza, nonché dell’associazionismo di tutela, di promozione e di sostegno attivo, operanti nella comunità locale, purché non erogatori di prestazioni e che abbiano stipulato il protocollo d'intesa di cui all'articolo 16, comma 2, lettera c). Ogni associazione designa un proprio rappresentante.
3. Nella zona-distretto il comitato di partecipazione, è nominato dal direttore generale, su proposta del direttore di zona. Nella società della salute, il comitato di partecipazione è nominato dal direttore della società della salute, su proposta dell'assemblea dei soci.
4. Qualora il numero delle associazioni sia minore di cinque, il comitato di partecipazione può operare a livello sovrazonale.
5. La Giunta regionale, con propria deliberazione, stabilisce gli indirizzi per il funzionamento dei comitati di partecipazione di zona-distretto.
6. Il comitato di partecipazione, in relazione alle competenze di cui al comma 1, in particolare:
a) contribuisce alla definizione dei bisogni di salute della popolazione di riferimento;
b) contribuisce alla programmazione delle attività ed alla progettazione dei servizi avanzando proposte per la predisposizione degli atti di programmazione e di governo, con particolare riferimento al piano integrato di salute di cui all'articolo 21;
c) monitora il rispetto delle garanzie e degli impegni indicati dalla carta dei servizi, con particolare riferimento ai percorsi di accesso e di fruibilità dei servizi, tenendo conto degli strumenti di ascolto e di valutazione partecipata e degli indicatori di qualità sulla base di elementi misurabili, attività di analisi e monitoraggio degli scostamenti tra i singoli obiettivi;
d) esprime pareri sulla qualità e quantità delle prestazioni erogate e sulla relativa rispondenza tra queste ed i bisogni dell’utenza, avvalendosi degli strumenti di ascolto e di rilevazione;
e) svolge attività di monitoraggio ed esprime pareri sull’efficacia delle informazioni fornite agli utenti e su ogni altra tematica attinente il rispetto dei diritti dei cittadini;
f) propone progetti di miglioramento sulle tematiche attinenti la qualità dei servizi e collabora alla loro realizzazione;
g) propone iniziative per favorire corretti stili di vita ed un uso appropriato dei servizi, al fine di contribuire al processo di crescita culturale della comunità locale e al miglioramento dei determinanti sociali di salute.
7. Il comitato di partecipazione, nel rispetto delle disposizioni contenute nel decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 (Codice in materia di protezione dei dati personali), può accedere ai dati statistici di natura epidemiologica e di attività che costituiscono il quadro di riferimento degli interventi sanitari e sociali del territorio di riferimento, al fine di sviluppare la consapevolezza nei cittadini dell'incidenza degli stili di vita corretti e della salubrità dell'ambiente sulla salute.
8. Al fine di assicurarne la operatività e favorire la partecipazione dei cittadini la zona-distretto o la società della salute, ove costituita, mette a disposizione del comitato di partecipazione locali idonei per le attività ordinarie, gli incontri pubblici e i convegni e seminari sul tema della salute.
9. In ciascuna società della salute, nominata dall'assemblea della società della salute, è istituita la consulta del terzo settore dove sono rappresentate le organizzazioni del volontariato e del terzo settore che sono presenti in maniera rilevante nel territorio e operano in campo sanitario e sociale.
10. La consulta del terzo settore elegge al proprio interno il presidente ed esprime proposte progettuali per la definizione del piano integrato di salute.
11. Al fine di assicurare un confronto diretto con la popolazione, le zone distretto e le società della salute promuovono almeno due incontri pubblici all’anno, in cui è assicurata la presenza dell’assessore regionale competente per il diritto alla salute, del direttore generale dell'azienda unità sanitaria locale e dell'azienda ospedaliero-universitaria, nonché del direttore della direzione regionale competente in materia di diritto alla salute o suo delegato, (702)

Parole così sostituite con l.r. 24 luglio 2018, n. 40, art. 10.

e della conferenza zonale integrata.
Art. 16 quinquies
1. I comitati di partecipazione di zona-distretto sono costituiti, o si adeguano alle disposizioni di cui all’articolo 16 quater, entro il 30 marzo 2018.
2. Il Consiglio dei cittadini per la salute e i comitati aziendali di partecipazione iniziano ad operare dall’anno 2018 e, comunque, non oltre la data del 30 giugno 2018.
Art. 17
- Rapporti con il volontariato, le associazioni di promozione sociale e la cooperazione sociale
1. I rapporti fra le associazioni di volontariato, le cui attività concorrono con le finalità del servizio sanitario regionale ed il servizio sanitario medesimo, ad eccezione di quanto disposto dalla presente legge in materia di sistema sanitario di emergenza urgenza, sono regolati da apposite convenzioni, in conformità con quanto disposto dalle normative nazionali e regionali vigenti. (250)

Comma così sostituito con l.r. 30 dicembre 2010, n. 70, art. 1.

2. Le associazioni di promozione sociale e la cooperazione sociale concorrono, nell'ambito delle loro competenze e con gli strumenti di cui alle vigenti leggi regionali, alla realizzazione delle finalità del servizio sanitario regionale e alle attività di assistenza sociale.
Capo III
- Gli strumenti della programmazione sanitaria e sociale integrata(100)

Parole così sostituite con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 20.

Art. 18
-Il piano sanitario e sociale integrato regionale(101)

Articolo così sostituito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 21.

1. Il piano sanitario e sociale integrato regionale è lo strumento di programmazione intersettoriale (389)

Parola inserita con l.r. 7 gennaio 2015, n. 2, art. 12.

con il quale la Regione, nell’ambito del programma regionale di sviluppo, definisce gli obiettivi di politica sanitaria e sociale regionale e i criteri per l’organizzazione del servizio sanitario regionale e dei servizi sanitari e sociali integrati in relazione ai bisogni assistenziali della popolazione rilevati dagli strumenti di valutazione e di monitoraggio della programmazione sanitaria e sociale integrata di cui all’articolo 20 e dagli studi di ricerca epidemiologica affidati all’Agenzia regionale di sanità (ARS) ed alle società scientifiche. Stabilisce anche la programmazione in materia di servizio civile ai sensi dell'articolo 16 della legge regionale 25 luglio 2006 n. 35 (Istituzione del servizio civile regionale). (297)

Parole inserite con l.r. 2 marzo 2012, n. 7, art. 19.

Il piano sanitario e sociale integrato regionale definisce inoltre per l’ambito sanitario e sociale l’attuazione della strategia regionale coordinata e continuativa in materia di sicurezza stradale. (285)

Parole aggiunte con l.r. 11 maggio 2011, n. 19, art. 7.

2. Il piano sanitario e sociale integrato regionale è approvato con deliberazione del Consiglio regionale, su proposta della Giunta regionale, formulata previo parere della conferenza regionale dei sindaci (390)

Parole così sostituite con l.r. 7 gennaio 2015, n. 2, art. 12.

, (391)

Parole soppresse con l.r. 7 gennaio 2015, n. 2, art. 12.

Ai fini dell’elaborazione del piano sanitario e sociale integrato regionale, si applicano le disposizioni di cui alla legge regionale 7 gennaio 2015, n. 1 (Disposizioni in materia di programmazione economica e finanziaria regionale e relative procedure contabili. Modifiche alla l.r. 20/2008). (390)

Parole così sostituite con l.r. 7 gennaio 2015, n. 2, art. 12.

3. La Giunta regionale con proprie deliberazioni provvede all’attuazione del piano sanitario e sociale integrato regionale in coerenza con il documento di economia e finanza regionale (DEFR), la relativa nota di aggiornamento e con il bilancio di previsione.(392)

Comma così sostituito con l.r. 7 gennaio 2015, n. 2, art. 12.

Art. 19
- Contenuti del piano sanitario e sociale integrato regionale(102)

Articolo così sostituito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 22.

1. Il piano sanitario e sociale integrato regionale individua gli obiettivi generali di salute e di benessere da assumere per la programmazione locale, le strategie di sviluppo e le linee di governo del servizio sanitario regionale e dei servizi socio-assistenziali. Il piano tiene conto del principio di pari opportunità sviluppando azioni specificamente orientate a tal fine.(223)

Periodo aggiunto con l.r. 2 aprile 2009, n. 16, art. 18.

2. Per le politiche sanitarie in particolare sono definiti:
a) i livelli uniformi ed essenziali di assistenza, quali prestazioni da garantire in termini di equità a tutti gli assistiti, definiti sulla base di indicatori epidemiologici, clinici ed assistenziali;
b) i criteri di riparto delle risorse finanziarie tra le aziende unità sanitarie locali e, per ciascuna azienda unità sanitaria locale, tra le zone-distretto;
c) i criteri di quantificazione ed impiego delle risorse finanziarie destinate alla copertura di specifici fabbisogni per attività di alta qualificazione, per specifici programmi individuati dagli strumenti di programmazione regionale, per il funzionamento di enti, aziende o organismi regionali operanti nel settore sanitario, per il sostegno degli investimenti per la manutenzione e il rinnovo del patrimonio delle aziende sanitarie regionali;
d) gli indirizzi per la valorizzazione e qualificazione dell’assistenza nelle zone insulari e montane e le risorse regionali ad esse destinate;
e) gli eventuali vincoli di utilizzo delle risorse da parte delle aziende unità sanitarie locali, con particolare riferimento a quelle impiegate nella prevenzione;
f) le azioni programmate di rilievo regionale e i progetti obiettivo, da realizzare tramite le società della salute e, laddove non costituite, in collaborazione con gli enti locali;
g) i criteri per la elaborazione dei piani di area vasta e per la definizione di intese ed accordi tra aziende, di cui all’articolo 8, comma 4 e per la disciplina della contrattazione con i soggetti privati accreditati;
h) le direttive relative alla organizzazione delle aziende sanitarie;
h bis) i criteri e le modalità per la costituzione di società, interamente partecipate dalle aziende sanitarie, finalizzate alla realizzazione delle strutture ed alla valorizzazione del patrimonio immobiliare; (262)

Lettera aggiunta con l.r. 29 dicembre 2010, n. 65, art. 17.

i) i criteri e le modalità di determinazione delle tariffe anche in relazione alle diverse tipologie di soggetti erogatori;
l) gli strumenti per l’integrazione delle medicine complementari negli interventi per la salute.
3. Per le politiche sociali in particolare sono definiti:
a) gli obiettivi di benessere sociale da perseguire, con riferimento alle politiche sociali integrate di cui al titolo quinto della l.r. 41/2005 ;
b) le caratteristiche quantitative e qualitative dei servizi e degli interventi atte ad assicurare i livelli essenziali delle prestazioni di cui all'articolo 4 della l.r. 41/2005 ;
c) le priorità di intervento relative ai soggetti di cui all'articolo 7, comma 6 della l.r. 41/2005 nonché le sperimentazioni e gli interventi di cui all'articolo 14 della medesima legge;
d) gli indirizzi generali da utilizzare per determinare il concorso degli utenti al costo delle prestazioni;
e) le modalità di ripartizione alle società della salute e, laddove non costituite, agli enti locali, in ambito zonale, delle risorse destinate dal bilancio regionale al finanziamento della rete locale dei servizi, sulla base di parametri oggettivi rilevati in relazione ai seguenti elementi:
1) livelli essenziali delle prestazioni sociali;
2) dimensione degli interventi e dei servizi in atto;
3) bisogni di assistenza;
4) situazione demografica e territoriale delle diverse zone.
f) le misure e le azioni prioritarie da prevedere in favore dei comuni in maggiore situazione di disagio, ai sensi della normativa regionale vigente;
g) i criteri di accesso al fondo sociale regionale di solidarietà interistituzionale di cui all'articolo 46 della l.r. 41/2005 ;
h) gli interventi innovativi, di ricerca e di sperimentazione, di interesse regionale;
i) le iniziative di comunicazione sociale e di sensibilizzazione finalizzate alla prevenzione del disagio e della esclusione sociale;
l) i benefici aggiuntivi a favore degli invalidi civili, di cui all'Sito esternoarticolo 130, comma 2 del decreto Sito esternolegislativo 31 marzo 1998, n. 112 (Conferimento di funzioni e compiti amministrativi dello Stato alle regioni ed agli enti locali, in attuazione Sito esternodel capo I della L. 15 marzo 1997, n. 59 ).
4. Il piano sanitario e sociale integrato regionale contiene gli indicatori per il monitoraggio e la valutazione relativi allo stato di attuazione della programmazione regionale ai sensi dell’articolo 20.
Art. 20
- La valutazione delle politiche sanitarie e sociali integrate(103)

Articolo così sostituito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 23.

1. Sono strumenti di valutazione e di monitoraggio della programmazione sanitaria e sociale integrata:
a) il rapporto annuale di monitoraggio e valutazione di cui al comma 2;
b) la relazione sanitaria aziendale di cui all’articolo 24;
b bis) relazione annuale sullo stato di attuazione dei piani di area vasta; (434)

Lettera aggiunta con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84, art. 18.

c) la relazione sociale regionale di cui all’articolo 42 della l.r. 41/2005 ;
d) la relazione sanitaria regionale di cui al comma 3;
e) la relazione sullo stato di salute di cui al comma 4.
2. La Giunta regionale elabora ogni anno il rapporto di monitoraggio e valutazione relativo allo stato di attuazione della programmazione regionale ed ai risultati raggiunti in merito a specifici settori e obiettivi di salute e lo trasmette al Consiglio regionale.
3. La Giunta regionale elabora, a conclusione del ciclo della programmazione sanitaria e sociale integrata, la relazione sanitaria regionale e la relazione sociale regionale di cui all’articolo 42 della l.r. 41/2005 e le trasmette al Consiglio regionale e alla Conferenza regionale dei sindaci (587)

Nota soppressa.

. La relazione sanitaria regionale esprime, anche sulla base delle risultanze delle relazioni sanitarie aziendali e degli strumenti di valutazione propri delle società della salute:
a) valutazioni epidemiologiche sullo stato di salute della popolazione;
b) valutazioni sui risultati raggiunti in rapporto agli obiettivi definiti dal piano sanitario e sociale integrato regionale.
4. La relazione sullo stato di salute è il documento di monitoraggio e di valutazione dei servizi e delle attività sanitarie territoriali e sociali, che la società della salute, ove costituita, o la conferenza zonale dei sindaci redige annualmente.
Art. 20 bis
1. Nel quadro delle politiche di promozione della salute, al fine di definire gli strumenti e le procedure per la valutazione della programmazione sanitaria e sociale integrata e di individuare idonei strumenti di osservazione dello stato di salute, dell’evoluzione dei fenomeni sociali, dello stato dei servizi, la Giunta regionale determina i rapporti di collaborazione, oltre che con l’Istituto per la Prevenzione Oncologica (ISPO) e con l’ARS, con istituti universitari con specifica esperienza negli ambiti del management sanitario e sociale integrato, delle attività di formazione avanzata e della misurazione e valutazione della “performance” del sistema sanitario e sociale integrato e dei soggetti che lo costituiscono.
Art. 20 ter
- Istituzione di registri di rilevante interesse sanitario(105)

Articolo inserito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 25.

1. In applicazione del Sito esternodecreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 (Codice in materia di protezione dei dati personali), ai sensi degli articoli 20 e 154, comma 1, lettera g), sono istituiti i seguenti registri di patologia:
a) registro tumori;
c) registro malattie rare;
d) registro malattie demielinizzanti.
2. I registri di patologia di cui al comma 1 sono istituiti, nel rispetto della normativa vigente in materia di protezione dei dati personali, ai fini di prevenzione, diagnosi, cura e riabilitazione, programmazione sanitaria, verifica della qualità delle cure, valutazione dell'assistenza sanitaria e di ricerca scientifica in campo medico, biomedico ed epidemiologico, allo scopo di garantire un sistema attivo di raccolta sistematica di dati anagrafici, sanitari ed epidemiologici per registrare e caratterizzare tutti i casi di rischio per la salute, di una particolare malattia o di una condizione di salute rilevante in una popolazione definita.(541)

Comma così sostituito con l.r. 14 luglio 2016, n. 44, art. 2.

3. Con regolamento regionale, adottato in conformità al parere espresso dal Garante per la protezione dei dati personali, ai sensi degli articoli 20 e 154, comma 1, lettera g), Sito esternodel decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 (Codice in materia di protezione dei dati personali), sono previsti i tipi di dati sensibili, le operazioni eseguibili, le specifiche finalità perseguite da ciascuno dei registri di cui al comma 1, i soggetti che possono avere accesso ai registri e i dati che possono conoscere e le misure per la custodia e la sicurezza dei dati.
4. Le previsioni del regolamento di cui al comma 3 devono in ogni caso informarsi al principio di necessità di cui all’Sito esternoarticolo 3 del d.lgs 196/2003 .
Art. 21
1. Il piano integrato di salute (PIS), in coerenza con le disposizioni del piano sanitario e sociale integrato regionale, del piano di area vasta e del piano attuativo locale, è lo strumento di programmazione integrata delle politiche sanitarie e sociali a livello zonale.
2. È compito del PIS:
a) definire gli obiettivi di salute e benessere ed i relativi standard quantitativi e qualitativi in linea con gli indirizzi regionali, tenendo conto del profilo di salute e dei bisogni sanitari e sociali delle comunità locali;
b) individuare efficaci azioni di contrasto nei confronti delle diseguaglianze nella salute e nell'assistenza sanitaria;
c) adottare strategie per rendere più facili i progetti individuali di cambiamento degli stili di vita;
d) individuare le modalità attuative;
e) definire la rete dei servizi e degli interventi attivati sul territorio con indicazione delle capacità di intervento in termini sia di strutture che di servizi;
f) individuare, sulla base degli obiettivi di salute di cui alla lettera a), le priorità di allocazione delle risorse provenienti dal fondo sanitario regionale e di quelle dei comuni;
g) definire il fabbisogno di strutture residenziali e semiresidenziali, in coerenza con la programmazione regionale;
h) promuovere l'integrazione delle cure primarie con il livello specialistico attraverso reti cliniche integrate e strutturate;
i) definire, tenuto conto della complessiva organizzazione aziendale, la distribuzione sul territorio dei relativi presidi;
l) individuare gli strumenti di valutazione di risultato relativi agli obiettivi specifici di zona.
2 bis. Nelle zone-distretto di nuova istituzione di cui all’allegato B, il PIS promuove la valorizzazione e la tutela delle identità territoriali per una migliore attenzione e vicinanza al cittadino sulla base del principio di sussidiarietà, anche attraverso le articolazioni territoriali istituite ai sensi dell’articolo 22, comma 2, della legge regionale 23 marzo 2017, n. 11 (Disposizioni in merito alla revisione degli ambiti territoriali delle zone-distretto. Modifiche alla l.r. 40/2005 ed alla l.r. 41/2005), volte a garantire una più ampia partecipazione delle istituzioni locali ai livelli di programmazione. (603)

Comma inserito con l.r. 23 marzo 2017, n. 11, art. 4.

2 ter. Per le finalità di cui al comma 2 bis, ciascuna articolazione territoriale individua un referente che partecipa alle sedute degli organismi di cui agli articoli 11 e 12, con diritto di voto limitatamente alle deliberazioni di cui all’articolo 11, comma 4, lettera c), e all’articolo 12, comma 6, lettere a) e b). (603)

Comma inserito con l.r. 23 marzo 2017, n. 11, art. 4.

3. Il PIS è approvato dalla conferenza zonale integrata o dalle società della salute ove esistenti, si coordina e si integra con il piano di inclusione zonale (PIZ) di cui all'articolo 29 della l.r. 41/2005, ed è presentato nei consigli comunali entro trenta giorni dalla sua approvazione.
4. In caso di accordo con la conferenza zonale dei sindaci il ciclo di programmazione del PIS può assorbire l’elaborazione del PIZ.
5. Ai fini del coordinamento delle politiche sociosanitarie con le altre politiche locali in grado di incidere sullo stato di salute della popolazione e dell'integrazione fra i diversi strumenti di programmazione locale, il procedimento di formazione del PIS prevede:
a) il raccordo con le competenti strutture organizzative delle amministrazioni comunali interessate;
b) la consultazione con le associazioni di volontariato e tutela, le cooperative sociali e le altre associazioni del terzo settore.
6. Il PIS ha durata analoga al ciclo di programmazione sociale e sanitaria integrata regionale. La parte operativa zonale è aggiornata annualmente ed è condizione per l'attivazione delle risorse di cui all'articolo 29, comma 5, della l.r. 41/2005.
7. La Giunta regionale elabora linee guida per la predisposizione del PIS e per la sua integrazione con il PIZ.
Art. 22
1. Il piano attuativo locale è lo strumento di programmazione con il quale, nei limiti delle risorse disponibili, nell'ambito delle disposizioni del piano sanitario e sociale integrato regionale, del piano di area vasta e degli indirizzi impartiti dalla conferenza aziendale dei sindaci, le aziende unità sanitarie locali programmano le attività da svolgere recependo i PIS, relativamente alle attività sanitarie territoriali e socio-sanitarie. Il piano attuativo locale ha durata quinquennale e può prevedere aggiornamenti. (435)

Comma così sostituito con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84, art. 20.

2. La conferenza aziendale dei sindaci, previo parere delle conferenze zonali dei sindaci, formula indirizzi per l’azienda unità sanitaria locale per l’elaborazione del piano attuativo locale. (435)

Comma così sostituito con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84, art. 20.

5. Il piano attuativo si realizza con riferimento alle attività sanitarie (437)

Parola soppressa con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84, art. 20. Vedi Avviso di rettifica pubblicato sul B.U. del 13 gennaio 2016, n. 1.

, socio-sanitarie territoriali e socio-sanitarie integrate attraverso piani annuali di attività, che tengono conto dei contenuti del PIS, e in particolare:
a) attraverso il programma operativo annuale delle cure primarie, articolato per zona-distretto, che definisce i programmi attuativi delle cure primarie, della sanità d’iniziativa, dei presidi distrettuali, delle unità complesse e delle forme associate della medicina generale; tale programma operativo definisce anche i percorsi diagnostico terapeutici assistenziali delle cronicità e le relative modalità di lavoro interprofessionale;
b) attraverso l'atto per l’integrazione socio-sanitaria, articolato per zona-distretto, che definisce i programmi attuativi dei servizi e delle attività ad alta integrazione sociosanitaria determinando nel contempo il relativo budget di livello zonale costituito dalle risorse sanitarie e dalle risorse sociali; tale programma operativo definisce anche i percorsi di valutazione multidimensionale delle non autosufficienze e delle fragilità e le relative modalità di lavoro interprofessionale.
6. Il direttore generale dell'azienda unità sanitaria locale adotta i programmi annuali di attività di cui al comma 5 entro l'anno precedente a quello di riferimento e li trasmette alla conferenza aziendale dei sindaci che lo approva; successivamente il direttore generale trasmette il programma annuale alla Giunta regionale che verifica la conformità dello stesso alla programmazione sanitaria e sociale integrata regionale entro quaranta giorni dal ricevimento; nel caso di mancata approvazione da parte della conferenza aziendale dei sindaci, la Giunta regionale, una volta esercitato il controllo di conformità ed essersi confrontata con la conferenza aziendale dei sindaci, autorizza il direttore generale alla prosecuzione dell'attività.
Art. 23
- Piani attuativi ospedalieri
1. Il piano attuativo ospedaliero è lo strumento di programmazione con il quale, nei limiti delle risorse disponibili, nell'ambito delle disposizioni del piano sanitario e sociale integrato regionale(109)

Parole così sostituite con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 28.

e del piano di area vasta, nonché degli indirizzi e valutazioni dell'organo di indirizzo, le aziende ospedaliero-universitarie programmano le attività di propria competenza.
2. Nella formulazione degli indirizzi di cui al comma 1, l'organo di indirizzo tiene conto, anche (438)

Parole così sostituite con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84, art. 21.

, del piano della didattica universitaria.
3. Il piano attuativo ospedaliero ha durata quinquennale e può prevedere aggiornamenti.(110)

Comma così sostituito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 28.

4. Il direttore generale dell'azienda ospedaliero-universitaria adotta il piano attuativo ospedaliero entro l'anno precedente a quello di riferimento, lo trasmette all'Università ed alla conferenza aziendale dei sindaci (438)

Parole così sostituite con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84, art. 21.

per l'acquisizione dei pareri di competenza. Il direttore generale trasmette il piano attuativo e le eventuali osservazioni alla Giunta regionale che, verificatane la conformità alla programmazione sanitaria e sociale integrata regionale, (109)

Parole così sostituite con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 28.

lo approva entro quaranta giorni dal ricevimento.
5. Il piano attuativo ospedaliero si realizza attraverso programmi annuali di attività adottati dal direttore generale dell'azienda ospedaliero-universitaria, acquisiti gli indirizzi e le valutazioni dell'organo di indirizzo; i programmi annuali sono approvati con lo stesso procedimento di cui al comma 4.
Art. 23 bis
1. Il piano di area vasta è lo strumento attraverso il quale si armonizzano e si integrano, su obiettivi unitari di salute ed in coerenza con la programmazione regionale, i livelli di programmazione dell'azienda unità sanitaria locale e dell’azienda ospedaliera universitaria.
2. Il piano di area vasta, in particolare, coordina l’offerta complessiva dei percorsi assistenziali, definiti attraverso i dipartimenti interaziendali di area vasta, garantendo l'appropriatezza degli interventi, anche tenendo conto delle particolari condizioni delle zone disagiate e montane del territorio.
3. Il piano di area vasta è proposto, in conformità con il piano sanitario e sociale integrato regionale, dal direttore della direzione regionale competente in materia di diritto alla salute coadiuvato dal comitato tecnico di cui all’articolo 9 ter, comma 2, previa intesa con la conferenza aziendale dei sindaci ed il rettore dell’università per quanto di competenza. (703)

Comma così sostituito con l.r. 24 luglio 2018, n. 40, art. 11.

4. Il piano di area vasta è approvato con deliberazione della Giunta regionale, previa acquisizione del parere della competente commissione consiliare, che si esprime entro quaranta giorni dal ricevimento. (703)

Comma così sostituito con l.r. 24 luglio 2018, n. 40, art. 11.

5. Il piano di area vasta ha durata analoga al ciclo di programmazione sociale e sanitaria integrata regionale ed è aggiornato annualmente.
Art. 24
- Relazione sanitaria aziendale
1. La relazione sanitaria aziendale è lo strumento di valutazione e monitoraggio dei risultati raggiunti in rapporto agli obiettivi definiti dalla programmazione regionale e aziendale e ne costituisce strumento rilevante per la definizione; la relazione sanitaria aziendale in particolare evidenzia i risultati conseguiti in termini di servizi e prestazioni, con riguardo anche agli obiettivi del piano attuativo e con distinto riferimento all'attività sanitaria e sociale integrata, alle attività sanitarie degli ambiti territoriali e a quella socio-assistenziale.(111)

Comma così sostituito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 29.

2. La relazione sanitaria aziendale è adottata dal direttore generale, previo parere del consiglio dei sanitari, entro il 30 giugno dell'anno successivo a quello di riferimento.
3. La relazione sanitaria aziendale è trasmessa:
a) dalle aziende unità sanitarie locali alla Giunta regionale, all'ARS e alla conferenza aziendale dei sindaci; (112)

Parole così sostituite con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 29.

b) dalle aziende ospedaliero-universitarie alla Giunta regionale, all'ARS e alla Conferenza regionale dei sindaci. (112)

Parole così sostituite con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 29.

(587)

Nota soppressa.

4. La conferenza aziendale dei sindaci esprime le proprie valutazioni sulle relazioni sanitarie e le trasmette alla Giunta regionale. (440)

Comma così sostituito con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84, art. 23.

4 bis. Il direttore generale riferisce annualmente alla commissione consiliare competente in merito ai contenuti della relazione sanitaria aziendale. (441)

Comma aggiunto con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84, art. 23.

Art. 25
- Fondo sanitario regionale
1. Il fondo sanitario regionale è così composto:
a) fondo ordinario di gestione destinato alle aziende unità sanitarie locali, per la erogazione ordinaria dei livelli uniformi ed essenziali di assistenza ed al funzionamento dell'ESTAR (328)

Parole così sostituite con l.r. 23 maggio 2014, n. 26, art. 5.

di cui all’articolo 100;(113)

Lettera così sostituita con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 30.

b) fondi per lo sviluppo dei servizi, destinati alla copertura di specifici fabbisogni e servizi di interesse generale, per attività di elevata qualificazione, per specifici programmi individuati dagli strumenti di programmazione sanitaria e sociale integrata regionale, (114)

Parole così sostituite con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 30.

per il sostegno degli investimenti e per la manutenzione e il rinnovo del patrimonio delle aziende sanitarie;
c) fondi finalizzati all'organizzazione del sistema, destinati a organismi ed enti a carattere regionale e a iniziative dirette della Regione in materia di innovazione e sviluppo del sistema.
2. La Giunta regionale può procedere all'accantonamento di quote del fondo sanitario regionale da destinare al mantenimento dell'equilibrio economico finanziario complessivo del sistema e da attribuire alle aziende sanitarie anche sulla base della individuazione negoziale di specifici obiettivi e risultati.
Art. 26
- Determinazione del fabbisogno finanziario
1. La Giunta regionale, in sede di elaborazione del documento di programmazione economica e finanziaria, procede:
a) alla stima del fabbisogno finanziario del servizio sanitario regionale per il triennio successivo, tenuto conto dell'evoluzione della domanda di salute, dell'andamento a livello regionale dei costi dei fattori produttivi, degli obiettivi di crescita programmati, del programma degli investimenti;
b) alla stima delle risorse finanziarie disponibili che costituiscono il fondo sanitario regionale di cui all' articolo 25 .
2. A seguito di quanto stabilito ai sensi del comma 1, la Giunta regionale procede annualmente:
a) alla ripartizione del fondo sanitario regionale ai sensi dell' articolo 25 , comma 1;
b) ad emanare direttive per la formazione dei bilanci da parte delle aziende sanitarie e dell'ESTAR (329)

Parole così sostituite con l.r. 23 maggio 2014, n. 26, art. 6.

di cui all'articolo 100;
c) alla individuazione, anche in corso di esercizio, delle manovre da porre in essere per assicurare l'equilibrio tra fabbisogno e risorse.
Art. 27
- Finanziamento delle aziende unità sanitarie locali
1. La Giunta regionale provvede annualmente, all’assegnazione alle aziende unità sanitarie locali del fondo ordinario di gestione, ripartendolo tra le stesse secondo i criteri definiti dal piano sanitario e sociale integrato regionale finalizzati anche ad assicurare un’equa ripartizione delle risorse in funzione delle diverse condizioni socio ambientali del territorio delle aziende medesime. (442)

Comma così sostituito con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84, art. 24.

1 bis. Nell’assegnazione di cui al comma 1, sono individuate le quote del fondo da attribuire con vincolo di destinazione alle zone-distretto, tenuto conto delle determinazioni adottate dalla conferenza delle società della salute ai sensi dell’articolo 11, comma 4, lettera e).(116)

Comma prima inserito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 31, ed ora così sostituito con l.r. 9 novembre 2009, n. 65, art. 4.

2. Alle aziende unità sanitarie locali sono altresì assegnate quote dei fondi per lo sviluppo dei servizi di cui all' articolo 25 , comma 1, lettera b), in relazione a specifici progetti previsti dagli strumenti della programmazione sanitaria e sociale integrata regionale.(115)

Parole così sostituite con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 31.

Art. 28
- Finanziamento delle aziende ospedaliero-universitarie
1. Il finanziamento delle aziende ospedaliero-universitarie avviene in relazione al volume delle prestazioni erogate, computate sulla base delle tariffe massime fissate dalla Regione, ovvero sulla base delle valorizzazioni concordate tra le aziende nell'ambito delle intese di cui all' articolo 8 , comma 4, lettera d).
2. Alle aziende ospedaliero-universitarie sono altresì assegnate quote dei fondi per lo sviluppo dei servizi di cui all' articolo 25 , comma 1, lettera b), per il finanziamento di funzioni di riferimento regionale non sufficientemente remunerate dalle tariffe e per specifiche finalità previste dagli strumenti di programmazione sanitaria e sociale integrata regionale.(118)

Parole così sostituite con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 32.

2 bis. In relazione ai fondi di cui al comma 2, il piano sanitario e sociale integrato regionale individua criteri atti ad assicurare una equilibrata ripartizione di tali risorse tra le aziende ospedaliero universitarie. (443)

Comma aggiunto con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84, art. 25.

Art. 29
- Finanziamento della mobilità sanitaria
1. Le prestazioni erogate all'assistito nell'ambito dei livelli uniformi ed essenziali di assistenza, definiti dal piano sanitario e sociale integrato regionale, (119)

Parole così sostituite con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 33.

sono finanziariamente a carico dell'azienda unità sanitaria locale di residenza del cittadino; l'istituzione privata o pubblica, diversa dall'azienda unità sanitaria locale di residenza, che ha eventualmente provveduto alla erogazione, è remunerata nella misura conseguente all'applicazione del sistema tariffario definito dalla Regione.
2. Per prestazioni residenziali di ricovero non ospedaliero, nel caso di cambiamento di residenza dell'assistito, in applicazione del Sito esternodecreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 1989, n. 223 (Approvazione del nuovo regolamento anagrafico della popolazione residente), la Giunta regionale può disciplinare il permanere della titolarità dei relativi oneri alla azienda unità sanitaria locale di residenza al momento del ricovero avendo a riferimento la durata del ricovero e la residenza del nucleo familiare di appartenenza.
3. Gli scambi finanziari così determinati possono avvenire in forma diretta, sulla base di apposite convenzioni o rapporti, ovvero su base regionale, attraverso procedure di compensazione regionali.
4. La Giunta regionale provvede con proprie deliberazioni a disciplinare le modalità e le procedure per regolare il sistema degli accordi diretti interaziendali e quello delle compensazioni regionali, in base allo sviluppo dei sistemi informativi e delle procedure di controllo, anche in relazione alle disposizioni emanate a livello statale circa le modalità di compensazione della mobilità sanitaria interregionale.
5. La valorizzazione delle prestazioni, ancorché gestite tramite compensazioni regionali, è definita dalle convenzioni e dai rapporti tra aziende sanitarie e tra queste e le istituzioni private, e non può comunque essere superiore alle tariffe massime definite dalla Regione; in assenza di accordi convenzionali, si applicano le tariffe massime regionali.
6. La Giunta regionale, fermo restando il diritto dei cittadini di ricorrere alle prestazioni dei produttori accreditati quando la struttura pubblica non sia in grado di assicurare le prestazioni nei tempi necessari, secondo le modalità stabilite dalla Giunta regionale e in relazione alle risorse disponibili e all’attuazione della programmazione regionale, (120)

Parole inserite con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 33.

può sottoporre il sistema di erogazione delle prestazioni da parte delle aziende sanitarie e delle istituzioni private a vincoli quantitativi circa il volume delle prestazioni ammesse, ovvero a vincoli finanziari tramite la determinazione di tetti di spesa e specifiche modalità di applicazione del sistema tariffario; i suddetti vincoli possono, a seguito di accordi stipulati con altre Regioni, riguardare anche le prestazioni rese a cittadini toscani fuori dal territorio regionale. Le aziende sanitarie, all'interno dell'area vasta di riferimento, tenuto conto delle vocazioni aziendali, definiscono annualmente accordi di ordine finanziario per le prestazioni sanitarie derivanti dai flussi di mobilità interaziendale.
Art. 30
- Finanziamento aziendale tramite tariffe
1. Le aziende sanitarie, nell'ambito dei propri fini istituzionali e nell'interesse pubblico, possono, previa autorizzazione della Giunta regionale, fornire prestazioni aggiuntive rispetto a quelle previste nei livelli uniformi ed essenziali di assistenza; in tal caso le aziende sanitarie definiscono le modalità di valorizzazione, a carico delle istituzioni pubbliche o private o dei soggetti privati nei confronti dei quali le stesse sono erogate, tramite apposite tariffe determinate dall'azienda sanitaria sulla base dei costi onnicomprensivi sostenuti.
2. Le aziende sanitarie possono altresì erogare prestazioni previste dai livelli uniformi ed essenziali di assistenza in regime di libera professione dei dipendenti, prevedendone la valorizzazione tariffaria sulla base delle direttive e dei vincoli appositamente disposti dalla Giunta regionale in conformità alla legislazione vigente.
3. Le aziende sanitarie organizzano le attività di cui ai commi 1 e 2, assicurando il regolare svolgimento delle ordinarie attività istituzionali, conformemente agli indirizzi regionali.
3 bis. Al fine del rilascio dell'autorizzazione, di cui al comma 1, la commissione di cui all'articolo 10, comma 4 quinquies, esprime apposito parere. (444)

Comma aggiunto con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84, art. 26.

Art. 30 bis
1. Le aziende sanitarie possono contrarre indebitamento, previa autorizzazione, fino ad un massimo di trenta anni unicamente per il finanziamento di spese di investimento e fino ad un ammontare complessivo delle relative rate per capitale ed interessi non superiore al 15 per cento delle entrate proprie correnti, ad esclusione della quota di fondo sanitario regionale di parte corrente loro attribuito ed avendo a riferimento l’insieme delle aziende sanitarie nonché degli enti di cui al comma 4.
1 bis. Fatto salvo quanto stabilito da eventuali disposizioni legislative o regolamentari a valenza nazionale, la determinazione delle poste del valore della produzione che compongono le entrate proprie correnti di cui al comma 1 è affidata a deliberazioni della Giunta regionale. (445)

Comma inserito con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84, art. 27.

2. Le aziende sanitarie possono essere autorizzate, in rapporto alle finalità di cui al comma 1, a rinegoziare il proprio indebitamento anche mediante allungamento della scadenza.
3. La Giunta regionale autorizza le operazioni di indebitamento con propria deliberazione, previa verifica della congruità tra la tipologia dell’investimento e la durata del finanziamento, nonché previa analisi e valutazione economica della capacità delle aziende sanitarie di far fronte agli oneri conseguenti, e del complessivo rispetto del limite giuridico di indebitamento di cui al comma 1.
4. In casi eccezionali debitamente motivati nella deliberazione di cui al comma 3, l'ESTAR, nell'ambito dei limiti complessivi di cui al comma 1, può essere autorizzato a contrarre indebitamento. (330)

Parole così sostituite con l.r. 23 maggio 2014, n. 26, art. 7.

In tal caso la Giunta regionale assicura, a valere sul fondo sanitario regionale e per l’intera durata dell’operazione, le risorse necessarie alla copertura degli oneri di ammortamento del debito.

Note del Redattore:

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Note soppresse.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 14 dicembre 2005, n. 67 , art. 3.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Nota soppressa.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 14 dicembre 2005, n. 67 , art. 4.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Note soppresse.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Per l'interpretazione autentica di questo articolo vedi l.r. 14 dicembre 2005, n. 67 , art. 6. La Corte si è pronunciata, nuovamente sull'articolo 59 come interpretato, in via incidentale con Sito esternosentenza n. 86 del 4 aprile 2008 dichiarando infondate le questioni sollevate. La Corte costituzionale con Sito esternosentenza 181 del 5 maggio Sito esterno2006 ha dichiarato infondata la questione sollevata nei confronti dell'articolo.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Note soppresse.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Lettera aggiunta con l.r. 14 dicembre 2005, n. 67 , art. 9.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Note soppresse.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma abrogato con l.r. 14 dicembre 2005, n. 67 , art. 12.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 14 dicembre 2005, n. 67 , art. 13.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 14 dicembre 2005, n. 67 , art. 14.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo prima inserito con l.r. 14 dicembre 2005, n. 67 , art. 15, ed ora così sostituito con l.r. 14 luglio 2016, n. 44 , art. 16.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma prima inserito con l.r. 14 dicembre 2005, n. 67 , art. 16, ed ora così sostituito con l.r. 27 luglio 2007, n. 40 , art. 17.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 14 dicembre 2005, n. 67 , art. 16.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Nota soppressa.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 14 dicembre 2005, n. 67 , art. 18.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo prima inserito con l.r. 27 dicembre 2005, n. 70 , art. 13, ed ora così sostituito con l.r. 27 luglio 2007, n. 40 , art. 13.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Note soppresse.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo così sostituito con l.r. 10 luglio 2006, n. 28 , art. 1.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 10 luglio 2006, n. 28 , art. 2.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 10 luglio 2006, n. 28 , art. 3.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo prima inserito con l.r. 10 luglio 2006, n. 28 , art. 4, ed ora così sostituito con l.r. 29 dicembre 2010, n. 65 , art. 49.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 10 luglio 2006, n. 28 , art. 5.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo prima inserito con l.r. 10 luglio 2006, n. 28 , art. 6, ed ora così sostituito con l.r. 29 dicembre 2010, n. 65 , art. 51.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo prima inserito con l.r. 10 luglio 2006, n. 28 , art. 7, ed ora abrogato con l.r. 29 dicembre 2010, n. 65 , art. 52.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 10 luglio 2006, n. 28 , art. 8.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo prima inserito con l.r. 10 luglio 2006, n. 28 , art. 9, ed ora così sostituito con l.r. 29 dicembre 2010, n. 65 , art. 54.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo prima inserito con l.r. 10 luglio 2006, n. 28 , art. 10; ed ora così sostituito con l.r. 27 marzo 2015, n. 37 , art. 5.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 10 luglio 2006, n. 28 , art. 11.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 10 luglio 2006, n. 28 , art. 12.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo prima inserito con l.r. 10 luglio 2006, n. 28 , art. 13, ed ora così sostituito con l.r. 29 dicembre 2010, n. 65 , art. 57.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo prima inserito con l.r. 10 luglio 2006, n. 28 , art. 14, ed ora abrogato con l.r. 29 dicembre 2010, n. 65 , art. 58.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo prima inserito con l.r. 10 luglio 2006, n. 28 , art. 15, ed ora abrogato con l.r. 29 dicembre 2010, n. 65 , art. 58.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 10 luglio 2006, n. 28 , art. 16.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo prima inserito con l.r. 10 luglio 2006, n. 28 , art. 17, poi sostituito con l.r. 29 dicembre 2010, n. 65 , art. 60, ed ora così sostituito conl.r. 22 febbraio 2017, n. 5 , art. 23.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 10 luglio 2006, n. 28 , art. 18.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 10 luglio 2006, n. 28 , art. 19.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo prima inserito con l.r. 10 luglio 2006, n. 28 , art. 20, ed ora abrogato con l.r. 29 dicembre 2010, n. 65 , art. 61.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Nota soppressa.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo abrogato con l.r. 10 luglio 2006, n. 28 , art. 22. Precedentemente all'abrogazione, la Corte costituzionale si era pronunciata, con Sito esternosentenza n. 181 del 5 maggio 2006 , dichiarando l'illegittimità costituzionale dell'articolo.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Frase abrogata con l.r. 10 luglio 2006, n. 28 , art. 22.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Nota soppressa.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 22 dicembre 2006, n. 64 , art. 8.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Note soppresse.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo prima inserito con l.r. 27 luglio 2007, n. 40, art. 16, ed ora così sostituito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60 , art. 89.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Nota soppressa.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 13 luglio 2007, n. 38, art. 63. .

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo così sostituito con l.r. 13 luglio 2007, n. 38, art. 64.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Lettera aggiunta con l.r. 27 dicembre 2007, n. 69 , art. 22.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma inserito con l.r. 24 ottobre 2008, n. 56 , art. 29.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Nota soppressa.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 24 ottobre 2008, n. 56 , art. 31.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 24 ottobre 2008, n. 56 , art. 32.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Nota soppressa.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Lettera così sostituita con l.r. 10 novembre 2008, n. 60 , art. 1.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Lettera inserita con l.r. 10 novembre 2008, n. 60 , art. 1.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Lettera aggiunta con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 1.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 2.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Lettera inserita con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 2.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 3.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Lettera inserita con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 3.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Lettera aggiunta con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 3.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 4.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 4.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 5.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole prima sostituite con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 6; e poi parole così sostituite con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 4.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 7.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Rubrica così sostituita con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 8.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Rubrica così sostituita con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 9.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo così sostituito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 10.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Nota soppressa.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 12.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Lettera così sostituita con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 13.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 13.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Lettera abrogata con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 13.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Lettera inserita con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 13.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 13.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo prima sostituito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 14, ed ora così sostituito con l.r. 29 luglio 2014, n. 44 , art. 2.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo prima sostituito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 15, poi sostituito con l.r. 29 luglio 2014, n. 44 , art. 4. Infine articolo così sostituito con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 15.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 16.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 17.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 18.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma abrogato con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 18.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Lettera così sostituita con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 19.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole aggiunte con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 19.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 19.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 19.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 20.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo così sostituito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 21.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo così sostituito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 22.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo così sostituito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 23.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 24.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 25.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo prima sostituito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 26; poi sostituito con l.r. 29 luglio 2014, n. 44 , art. 5. Infine articolo così sostituito con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 19.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Note soppresse.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 28.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 28.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 29.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 29.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Lettera così sostituita con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 30.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 30.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 31.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma prima inserito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 31, ed ora così sostituito con l.r. 9 novembre 2009, n. 65 , art. 4.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma abrogato con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 31.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 32.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 33.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole inserite con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 33.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo così sostituito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 34.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Nota soppressa.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Lettera prima sostituita con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 36; ed ora così sostituita con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 34.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Lettera aggiunta con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 36.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma aggiunto con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 36.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Nota soppressa.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma inserito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 37.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma aggiunto con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 37.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 38.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 38.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma inserito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 38.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma aggiunto con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 38.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo così sostituito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 39.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 40.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 41.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo così sostituito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 42.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 43.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 43.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo abrogato con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 44.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 45.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Rubrica così sostituita con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 46.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 46.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma inserito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 46.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma abrogato con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 46.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma prima sostituito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 47; poi così sostituito con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 52.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 48.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo prima inserito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 49, ed ora così sostituito con l.r. 9 agosto 2013, n. 47 , art. 65.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 50.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parola così sostituita con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 50.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Nota soppressa.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Numero prima sostituito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 52; poi così sostituito con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 55.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo prima sostituito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 53, poi sostituito con l.r. 29 luglio 2014, n. 44 , art. 64. Infine articolo così sostituito con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 56.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 54.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo abrogato con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 55.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Lettera così sostituita con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 56.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 56.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma aggiunto con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 56.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Note soppresse.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Alinea così sostituita con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 58.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Lettera prima sostituita con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 58; poi così sostituita con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 63.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Nota soppressa.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 59.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Capo inserito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 60.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 61.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 62.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 63.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 64.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 65.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 66.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 67.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 68.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 69.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo prima inserito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 70,ed ora abrogato con l.r. 14 dicembre 2017, n. 75, art. 8.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 71.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 72.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 73.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 74.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 75.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo prima inserito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 76; poi l'articolo è abrogato con l.r. 23 marzo 2017, n. 11 , art. 15.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 77.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 78.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Rubrica così sostituita con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 79.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 80.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 81.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole inserite con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 82.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 83.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole aggiunte con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 84.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 85.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Lettera così sostituita con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 86.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole soppresse con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 86.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Note soppresse.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Lettera prima sostituita con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 90, ed ora così sostituita con l.r. 23 maggio 2014, n. 26 , art. 23.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parola così sostituita con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 90.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 91.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 92.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Capoverso soppresso con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 93.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma inserito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 93.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 94.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma aggiunto con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 94.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Nota soppressa.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 96.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Note soppresse.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma inserito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 98.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 98.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 99.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole inserite con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 100.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole inserite con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 101.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo così sostituito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 102.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma abrogato con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 103.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Nota soppressa.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 104.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma inserito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 105.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma inserito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 105.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo prima aggiunto con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 106, ed ora abrogato con l.r. 14 luglio 2016, n. 44 , art. 35.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

L'allegato così sostituito dall'art. 144 bis, inserito con l.r. 10 novembre 2008, n. 60, art. 106.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Periodo aggiunto con l.r. 2 aprile 2009, n. 16 , art. 18.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Note soppresse.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Lettera così sostituita con l.r. 9 novembre 2009, n. 65 art. 3.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Note soppresse.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 9 novembre 2009, n. 65 art. 7.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Nota soppressa.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 9 novembre 2009, n. 65 art. 9.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Lettera così sostituita con l.r. 9 novembre 2009, n. 65 art. 9.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole soppresse con l.r. 9 novembre 2009, n. 65 art. 9.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 9 novembre 2009, n. 65 art. 9.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 9 novembre 2009, n. 65 art. 10.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma inserito con l.r. 9 novembre 2009, n. 65 art. 11.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo prima inserito con l.r. 9 novembre 2009, n. 65 art. 12; poi così sostituito con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 79.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Note soppresse.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 9 novembre 2009, n. 65 art. 18.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 23 dicembre 2009, n.77 , art. 15.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Note soppresse.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

L'allegato A è stato prima modificato con Sito esternodel.c.r. 10 febbraio 2010, n. 18, poi modificato con Sito esternodel. c.r. 28 Sito esternosettembre 2010, n. 69 , ed ora così modificato con Sito esternodel. c.r. 25 febbraio 2015, n. 14 .

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma inserito con l.r. 30 dicembre 2010, n. 67 , art. 1.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 30 dicembre 2010, n. 70 , art. 1.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Capo inserito con l.r. 30 dicembre 2010, n. 70 , art. 2.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 30 dicembre 2010, n. 70 , art. 3.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 30 dicembre 2010, n. 70 , art. 4.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 30 dicembre 2010, n. 70 , art. 5.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 30 dicembre 2010, n. 70 , art. 6.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 30 dicembre 2010, n. 70 , art. 7.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 30 dicembre 2010, n. 70 , art. 8.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 30 dicembre 2010, n. 70 , art. 9.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 30 dicembre 2010, n. 70 , art. 10.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 30 dicembre 2010, n. 70 , art. 11.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma aggiunto con l.r. 30 dicembre 2010, n. 70 , art. 12.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Lettera aggiunta con l.r. 29 dicembre 2010, n. 65 , art. 17.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 29 dicembre 2010, n. 65 , art. 48.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 29 dicembre 2010, n. 65 , art. 50.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 29 dicembre 2010, n. 65 , art. 50.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parola così sostituita con l.r. 29 dicembre 2010, n. 65 , art. 50.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole soppresse con l.r. 29 dicembre 2010, n. 65 , art. 53.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 29 dicembre 2010, n. 65 , art. 53.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Nota soppressa.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 29 dicembre 2010, n. 65 , art. 56.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 29 dicembre 2010, n. 65 , art. 59.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Nota soppressa.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma prima sostituito con l.r. 3 maggio 2011, n. 16 , art. 1, poi sostituito con l.r. 27 dicembre 2011, n. 66 , art. 129. Infine comma così sostituito con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 36.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Note soppresse.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 3 maggio 2011, n. 16 , art. 3.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Note soppresse.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo prima inserito con l.r. 3 maggio 2011, n. 16 , art. 8, ed ora così sostituito con l.r. 25 luglio 2017, n. 36, art. 29.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole aggiunte con l.r. 11 maggio 2011, n. 19 , art. 7.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Nota soppressa.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

In relazione agli organi sanitari si veda quanto disposto dall'articolo 3 della l.r. 30 ottobre 2010, n. 55 .

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Note soppresse.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole inserite con l.r. 27 dicembre 2011, n. 66 , art. 119.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parola così sostituita con l.r. 27 dicembre 2011, n. 66 , art. 128.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 27 dicembre 2011, n. 66 , art. 130.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Nota soppressa.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole inserite con l.r. 2 marzo 2012, n. 7 , art. 19.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 20 luglio 2012, n. 39 , art. 12.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma aggiunto con l.r. 20 luglio 2012, n. 39 , art. 12.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma aggiunto con l.r. 20 luglio 2012, n. 39 , art. 12.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma aggiunto con l.r. 20 luglio 2012, n. 39 , art. 12.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma aggiunto con l.r. 20 luglio 2012, n. 39 , art. 12.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Nota soppressa.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo così sostituito con l.r. 27 dicembre 2012, n. 81 , art. 10.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Nota soppressa.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo così sostituito con l.r. 27 dicembre 2012, n. 81 , art. 12.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo prima inserito con l.r. 27 dicembre 2012, n. 81 , art. 13, ed ora così sostituito con l.r. 14 luglio 2016, n. 44 , art. 21.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo così sostituito con l.r. 27 dicembre 2012, n. 81 , art. 14.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma prima sostituito con l.r. 9 agosto 2013, n. 47 , art. 62, ed ora abrogato con l.r. 12 dicembre 2017, n. 70, art. 52.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo così sostituito con l.r. 9 agosto 2013, n. 47 .

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma inserito con l.r. 9 agosto 2013, n. 47 , art. 64.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 9 agosto 2013, n. 47 , art. 64.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Note soppresse.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo così sostituito con l.r. 9 agosto 2013, n. 47 , art. 68.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 9 agosto 2013, n. 47 , art. 69.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 9 agosto 2013, n. 47 , art. 70.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma abrogato con l.r. 9 agosto 2013, n. 47 , art. 71.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 24 dicembre 2013, n. 77 , art. 37.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Nota soppressa.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma aggiunto con l.r. 23 maggio 2014, n. 26 , art. 1.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Nota soppressa.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 23 maggio 2014, n. 26 , art. 3.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 23 maggio 2014, n. 26 , art. 4.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma inserito con l.r. 23 maggio 2014, n. 26 , art. 4.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 23 maggio 2014, n. 26 , art. 4.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 23 maggio 2014, n. 26 , art. 5.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 23 maggio 2014, n. 26 , art. 6.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 23 maggio 2014, n. 26 , art. 7.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole inserite con l.r. 23 maggio 2014, n. 26 , art. 8.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Nota soppressa.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 23 maggio 2014, n. 26 , art. 10.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 23 maggio 2014, n. 26 , art. 11.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Rubrica così sostituita con l.r. 23 maggio 2014, n. 26 , art. 12.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo così sostituito con l.r. 23 maggio 2014, n. 26 , art. 13.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 23 maggio 2014, n. 26 , art. 14.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma abrogato con l.r. 23 maggio 2014, n. 26 , art. 14.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 23 maggio 2014, n. 26 , art. 14.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma inserito con l.r. 23 maggio 2014, n. 26 , art. 14.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 23 maggio 2014, n. 26 , art. 15.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 23 maggio 2014, n. 26 , art. 16.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parola così sostituita con l.r. 23 maggio 2014, n. 26 , art. 16.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 23 maggio 2014, n. 26 , art. 16.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 23 maggio 2014, n. 26 , art. 17.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parola così sostituita con l.r. 23 maggio 2014, n. 26 , art. 18.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 23 maggio 2014, n. 26 , art. 18.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma inserito sostituito con l.r. 23 maggio 2014, n. 26 , art. 18.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 23 maggio 2014, n. 26 , art. 18.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 23 maggio 2014, n. 26 , art. 19.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Lettera aggiunta con l.r. 23 maggio 2014, n. 26 , art. 19.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parola così sostituita con l.r. 23 maggio 2014, n. 26 , art. 20.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo così sostituito con l.r. 23 maggio 2014, n. 26 , art. 21.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 23 maggio 2014, n. 26 , art. 22.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 23 maggio 2014, n. 26 , art. 23.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Lettera aggiunta con l.r. 23 maggio 2014, n. 26 , art. 23.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 23 maggio 2014, n. 26 , art. 24.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parola così sostituita con l.r. 23 maggio 2014, n. 26 , art. 24.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo così sostituito con l.r. 23 maggio 2014, n. 26 , art. 25.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 23 maggio 2014, n. 26 , art. 26.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parola così sostituita con l.r. 23 maggio 2014, n. 26 , art. 26.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 23 maggio 2014, n. 26 , art. 27.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parola così sostituita con l.r. 23 maggio 2014, n. 26 , art. 28.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 23 maggio 2014, n. 26 , art. 29.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo abrogato con l.r. 23 maggio 2014, n. 26 , art. 30.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo prima inserito con l.r. 23 maggio 2014, n. 26 , art. 31, ed ora abrogato con l.r. 14 luglio 2016, n. 44 , art. 31.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo prima inserito con l.r. 23 maggio 2014, n. 26 , art. 32, poi sostituito con l.r. 29 dicembre 2014, n. 86 , art. 38 ed ora abrogato con l.r. 14 luglio 2016, n. 44 , art. 32.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo prima inserito con l.r. 23 maggio 2014, n. 26 , art. 33, ed ora abrogato con l.r. 14 luglio 2016, n. 44 , art. 33.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo prima inserito con l.r. 23 maggio 2014, n. 26 , art. 34, ed ora abrogato con l.r. 14 luglio 2016, n. 44 , art. 34.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Per effetto dell’abrogazione del comma 1 ter, dell’ articolo 101, della l.r. 40/2005 i cui contenuti sono trasposti all’ articolo 101.1 (Acquisto beni e servizi), comma 5 della l.r. 40/2005, continua ad avere effetto il d.p.g.r. 21 gennaio 2014, n. 3/R .

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Note soppresse.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo prima inserito con l.r. 29 luglio 2014, n. 44 , art. 3; e poi abrogato con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 14.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo così sostituito con l.r. 29 luglio 2014, n. 44 , art. 6.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole soppresse con l.r. 29 luglio 2014, n. 44 , art. 7.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole soppresse con l.r. 29 luglio 2014, n. 44 , art. 8.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo prima inserito con l.r. 29 luglio 2014, n. 44 , art. 10, ed ora abrogato con l.r. 14 dicembre 2017, n. 75, art. 8.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole aggiunte con l.r. 29 luglio 2014, n. 44 , art. 11.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 29 luglio 2014, n. 44 , art. 12.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 29 luglio 2014, n. 44 , art. 13.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole aggiunte con l.r. 29 luglio 2014, n. 44 , art. 14.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 29 luglio 2014, n. 44 , art. 14.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 29 luglio 2014, n. 44 , art. 15.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 29 luglio 2014, n. 44 , art. 16.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma inserito con l.r. 29 luglio 2014, n. 44 , art. 17.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole soppresse con l.r. 7 gennaio 2015, n. 2 , art. 11.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parola inserita con l.r. 7 gennaio 2015, n. 2 , art. 12.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 7 gennaio 2015, n. 2 , art. 12.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole soppresse con l.r. 7 gennaio 2015, n. 2 , art. 12.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 7 gennaio 2015, n. 2 , art. 12.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 26 marzo 2015, n. 36 , art. 1.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 26 marzo 2015, n. 36 , art. 2.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 26 marzo 2015, n. 36 , art. 3.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma aggiunto con l.r. 27 marzo 2015, n. 37 , art. 4.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 13 aprile 2015, n. 47 , art. 1.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma inserito con l.r. 13 aprile 2015, n. 47 , art. 2.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 13 aprile 2015, n. 47 , art. 2.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole inserite con l.r. 13 aprile 2015, n. 47 , art. 3.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 13 aprile 2015, n. 47 , art. 4.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 13 aprile 2015, n. 47 , art. 5.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Vedi la l.r. 13 aprile 2015, n. 47 , art. 6 – Norme di prima applicazione.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma inserito con l.r. 4 agosto 2015, n. 63 , art. 10.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Lettera così sostituita con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 1.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Lettera inserita con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 1.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Numero così sostituito con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 1.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Numero inserito con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 1.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Numero abrogato con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 1.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 1.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Lettera inserita con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 2.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole aggiunte con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 3.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole inserite con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 3.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole aggiunte con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 4.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 5.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Lettera così sostituita con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 6.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Lettera inserita con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 6.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo così sostituito con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 7.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 8.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 9.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 10.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 11.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Lettera abrogata con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 12.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma inserito con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 12.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Lettera inserita con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 12.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole inserite con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 12.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma inserito con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 12.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 13.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Lettera abrogata con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 13.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Lettera così sostituita con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 13.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole inserite con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 13.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 16.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole aggiunte con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 17.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Lettera aggiunta con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 18.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 20.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma abrogato con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 20.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parola soppressa con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 20. Vedi Avviso di rettifica pubblicato sul B.U. del 13 gennaio 2016, n. 1.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 21.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 22.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 23.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma aggiunto con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 23.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 24.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma aggiunto con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 25.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma aggiunto con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 26.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma inserito con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 27.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parola soppressa con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 28.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 29.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 30.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo così sostituito con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 31.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 32.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Lettera inserita con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 33.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parola inserita con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 34.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Lettera così sostituita con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 34.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 35.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Nota soppressa.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 38.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 39.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma inserito con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 39.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Note soppresse.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 41.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Lettera così sostituita con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 42.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 42.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole aggiunte con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 43.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo abrogato con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 44.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo abrogato con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 45.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 46.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole inserite con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 46.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Lettera aggiunta con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 46.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma abrogato con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 46.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole inserite con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 47.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parola così sostituita con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 47.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 47.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma inserito con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 47.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 48.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 49.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Lettera così sostituita con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 49.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Lettera aggiunta con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 49.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole aggiunte con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 50.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Lettera aggiunta con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 50.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole aggiunte con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 51.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole soppresse con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 52.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma abrogato con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 52.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parola così sostituita con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 53.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo così sostituito con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 54.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 55.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole inserite con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 55.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Numero abrogato con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 55.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma inserito con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 55.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 55.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parola inserita con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 55.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma abrogato con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 55.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 57.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 58.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole aggiunte con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 59.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Lettera così sostituita con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 59.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole inserite con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 59.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma inserito con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 59.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 59.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parola inserita con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 60.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole inserite con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 61.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 62.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma inserito con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 62.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Lettera aggiunta con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 62.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parola soppressa con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 62.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole aggiunte con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 62.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parola così sostituita con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 62.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 62.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 63.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Lettera così sostituita con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 63.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Lettera abrogata con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 63.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole aggiunte con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 63.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 64.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma inserito con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 65.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 66.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 67.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 68.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 69.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo abrogato con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 70.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole aggiunte con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 71.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parola soppressa con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 71.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 72. Vedi Avviso di rettifica pubblicato sul B.U. del 13 gennaio 2016, n. 1.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 72.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole inserite con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 72.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma inserito con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 72.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 73.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 74.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 74.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 75.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole inserite con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 76.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 77.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma prima aggiunto con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 78, ed ora abrogato con l.r. 9 agosto 2016, n. 58 , art. 20.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 80.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Lettera così sostituita con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 81.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Numero così sostituito con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 81.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Lettera inserita con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 82.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Lettera così sostituita con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 82.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 29 dicembre 2015, n. 84 , art. 82.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Note soppresse.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 14 luglio 2016, n. 44 , art. 2.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Lettera inserita con l.r. 14 luglio 2016, n. 44 , art. 3.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Periodo soppresso con l.r. 14 luglio 2016, n. 44 , art. 4.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Rubrica così sostituita con l.r. 14 luglio 2016, n. 44 , art. 5.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Nota soppressa.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole inserite con l.r. 14 luglio 2016, n. 44 , art. 6.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma aggiunto con l.r. 14 luglio 2016, n. 44 , art. 6.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 14 luglio 2016, n. 44 , art. 7.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 14 luglio 2016, n. 44 , art. 8.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole soppresse con l.r. 14 luglio 2016, n. 44 , art. 9.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole aggiunte con l.r. 14 luglio 2016, n. 44 , art. 9.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Lettera aggiunta con l.r. 14 luglio 2016, n. 44 , art. 10.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole soppresse con l.r. 14 luglio 2016, n. 44 , art. 11.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole aggiunte con l.r. 14 luglio 2016, n. 44 , art. 11.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole inserite con l.r. 14 luglio 2016, n. 44 , art. 12.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Lettera così sostituita con l.r. 14 luglio 2016, n. 44 , art. 12.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Note soppresse.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma inserito con l.r. 14 luglio 2016, n. 44 , art. 14.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 14 luglio 2016, n. 44 , art. 14.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 14 luglio 2016, n. 44 , art. 15.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma inserito con l.r. 14 luglio 2016, n. 44 , art. 15.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole aggiunte con l.r. 14 luglio 2016, n. 44 , art. 17.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole soppresse con l.r. 14 luglio 2016, n. 44 , art. 18.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 14 luglio 2016, n. 44 , art. 18.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma abrogato con l.r. 14 luglio 2016, n. 44 , art. 18.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 14 luglio 2016, n. 44 , art. 19.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 14 luglio 2016, n. 44 , art. 20.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma abrogato con l.r. 14 luglio 2016, n. 44 , art. 20.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parola così sostituita con l.r. 14 luglio 2016, n. 44 , art. 20.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 14 luglio 2016, n. 44 , art. 22.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 14 luglio 2016, n. 44 , art. 22.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma inserito con l.r. 14 luglio 2016, n. 44 , art. 22.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole inserite con l.r. 14 luglio 2016, n. 44 , art. 22.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma abrogato con l.r. 14 luglio 2016, n. 44 , art. 22.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 14 luglio 2016, n. 44 , art. 23.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma inserito con l.r. 14 luglio 2016, n. 44 , art. 24.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma abrogato con l.r. 14 luglio 2016, n. 44 , art. 25.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole aggiunte con l.r. 14 luglio 2016, n. 44 , art. 26.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 14 luglio 2016, n. 44 , art. 26.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma abrogato con l.r. 14 luglio 2016, n. 44 , art. 26.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma abrogato con l.r. 14 luglio 2016, n. 44 , art. 27.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo abrogato con l.r. 14 luglio 2016, n. 44 , art. 28.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma abrogato con l.r. 14 luglio 2016, n. 44 , art. 29.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma abrogato con l.r. 14 luglio 2016, n. 44 , art. 30.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Allegato così sostituito con l.r. 14 luglio 2016, n. 44 , art. 35.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Nota soppressa.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Lettera così sostituita con l.r. 22 febbraio 2017, n. 5 , art. 17.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 22 febbraio 2017, n. 5 , art. 18.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole soppresse con l.r. 22 febbraio 2017, n. 5 , art. 18.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole soppresse con l.r. 22 febbraio 2017, n. 5 , art. 18.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma inserito con l.r. 22 febbraio 2017, n. 5 , art. 19.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Lettera aggiunta con l.r. 22 febbraio 2017, n. 5 , art. 19.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Lettera aggiunta con l.r. 22 febbraio 2017, n. 5 , art. 19.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 22 febbraio 2017, n. 5 , art. 20.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 22 febbraio 2017, n. 5 , art. 21.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole soppresse con l.r. 22 febbraio 2017, n. 5 , art. 21.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 22 febbraio 2017, n. 5 , art. 22.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 23 marzo 2017, n. 11 , art. 1.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole aggiunte con l.r. 23 marzo 2017, n. 11 , art. 1.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo inserito con l.r. 23 marzo 2017, n. 11 , art. 2.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole inserite con l.r. 23 marzo 2017, n. 11 , art. 3.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma inserito con l.r. 23 marzo 2017, n. 11 , art. 4.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole aggiunte con l.r. 23 marzo 2017, n. 11 , art. 5.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma inserito con l.r. 23 marzo 2017, n. 11 , art. 5.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 23 marzo 2017, n. 11 , art. 6.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 23 marzo 2017, n. 11 , art. 7.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito l.r. 23 marzo 2017, n. 11 , art. 7.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma inserito con l.r. 23 marzo 2017, n. 11 , art. 7.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 23 marzo 2017, n. 11 , art. 8.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parola così sostituita con l.r. 23 marzo 2017, n. 11 , art. 8.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma aggiunto con l.r. 23 marzo 2017, n. 11 , art. 8.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole aggiunte con l.r. 23 marzo 2017, n. 11 , art. 9.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 23 marzo 2017, n. 11 , art. 9.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parola così sostituita con l.r. 23 marzo 2017, n. 11 , art. 9.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole inserite con l.r. 23 marzo 2017, n. 11 , art. 9.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma inserito con l.r. 23 marzo 2017, n. 11 , art. 9.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma abrogato con l.r. 23 marzo 2017, n. 11 , art. 9.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma aggiunto con l.r. 23 marzo 2017, n. 11 , art. 10.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Rubrica così sostituita con l.r. 23 marzo 2017, n. 11 , art. 11.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito l.r. 23 marzo 2017, n. 11 , art. 11.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma aggiunto l.r. 23 marzo 2017, n. 11 , art. 11.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 23 marzo 2017, n. 11 , art. 12.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 23 marzo 2017, n. 11 , art. 13.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 23 marzo 2017, n. 11 , art. 14.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole inserite con l.r. 23 marzo 2017, n. 11 , art. 16.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole aggiunte con l.r. 23 marzo 2017, n. 11 , art. 17.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 25 luglio 2017, n. 36, art. 1 .

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo così sostituito con l.r. 25 luglio 2017, n. 36, art. 2 .

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 25 luglio 2017, n. 36, art. 13 .

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parola così sostituita con l.r. 25 luglio 2017, n. 36, art. 15 .

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 25 luglio 2017, n. 36, art. 16 .

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 25 luglio 2017, n. 36, art. 16 .

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo così sostituito con l.r. 25 luglio 2017, n. 36, art. 17 .

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 25 luglio 2017, n. 36, art. 18 .

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Lettera così sostituita con l.r. 25 luglio 2017, n. 36, art. 21 .

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 25 luglio 2017, n. 36, art. 21 .

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo così sostituito con l.r. 25 luglio 2017, n. 36, art. 22 .

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo così sostituito con l.r. 25 luglio 2017, n. 36, art. 23 .

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo così sostituito con l.r. 25 luglio 2017, n. 36, art. 24 .

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Rubrica così sostituita con l.r. 12 dicembre 2017, n. 70, art. 51 .

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Nota soppressa.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Rubrica così sostituita con l.r. 12 dicembre 2017, n. 70, art. 55.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Lettera così sostituita con l.r. 12 dicembre 2017, n. 70, art. 57.

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 24 luglio 2018, n. 40, art. 1 .

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo così sostituito con l.r. 24 luglio 2018, n. 40, art. 3 .

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 24 luglio 2018, n. 40, art. 4 .

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Lettera così sostituita con l.r. 24 luglio 2018, n. 40, art. 5 .

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 24 luglio 2018, n. 40, art. 5 .

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 24 luglio 2018, n. 40, art. 5 .

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 24 luglio 2018, n. 40, art. 6 .

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Lettera così sostituita con l.r. 24 luglio 2018, n. 40, art. 7 .

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 24 luglio 2018, n. 40, art. 8 .

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 24 luglio 2018, n. 40, art. 9 .

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 24 luglio 2018, n. 40, art. 10 .

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 24 luglio 2018, n. 40, art. 11 .

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Parole così sostituite con l.r. 24 luglio 2018, n. 40, art. 12 .

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 24 luglio 2018, n. 40, art. 13 .

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 24 luglio 2018, n. 40, art. 14 .

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Lettera così sostituita con l.r. 24 luglio 2018, n. 40, art. 14 .

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Comma così sostituito con l.r. 24 luglio 2018, n. 40, art. 15 .

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Articolo così sostituito con l.r. 24 luglio 2018, n. 40, art. 16 .

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Lettera così sostituita con l.r. 24 luglio 2018, n. 40, art. 18 .

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Lettera così sostituita con l.r. 24 luglio 2018, n. 40, art. 19 .

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Lettera così sostituita con l.r. 24 luglio 2018, n. 40, art. 20 .

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Lettera così sostituita con l.r. 24 luglio 2018, n. 40, art. 21 .

Ritorna alla nota nel testologo Nota del redattore

Per la fase transitoria vedasi l'art. 142 undecies .